Palermo: gli allagamenti paralizzano la raccolta rifiuti, previsti rallentamenti :ilSicilia.it
Palermo

L'ANNUNCIO DI RAP

Palermo: gli allagamenti paralizzano la raccolta rifiuti, previsti rallentamenti

di
16 Luglio 2020

L’emergenza allagamenti continua a produrre danni a Palermo.

A seguito del blocco della circolazione imposto in molte aree viarie della città, anche il servizio di raccolta rifiuti ne esce limitato. Ad annunciarlo rallentamenti è la stessa Rap, che ha informato i cittadini attraverso una nota ufficiale.

LA NOTA

Rap informa che i servizi di raccolta in città stanno subendo dei ritardi a causa dei problemi di viabilità conseguenziali al nubifragio di ieri pomeriggio. In particolare, le maggiori difficoltà scaturiscono sugli itinerari di raccolta che servono le vie al di sopra della circonvallazione“.

La viabilità compromessa sta rendendo anche estremamente difficoltoso, per i compattatori Rap raggiungere, in ambo le direzioni, i percorsi tra l’impianto di Bellolampo e la città, con rallentamenti nell’effettuare il previsto scarico di fine turno“. La zona della discarica cittadina è stata fra le più colpite dall’ondata di maltempo.

A ciò si aggiunge la necessità del riposizionamento di alcuni cassonetti, travolti dalle forti precipitazioni di ieri“, sottolinea la RAP.

Tutto lo staff tecnico organizzativo di RAP è concentrato – fanno sapere il presidente Norata e il direttore generale Li Causi – ad contenere il più possibile i disagi che si stanno registrando in città. Rap in questo momento di difficoltà della Città di Palermo è impegnata per garantire il recupero del decoro urbano”.

In tal senso è stato anche costituito un gruppo di lavoro operativo per affrontare la delicata situazione del momento e assicurare così un più rapido ritorno alla  normalità. L’azienda – concludono –  è impegnata a fianco dell’amministrazione comunale,  con le proprie spazzatrici per togliere i residui dell’alluvione e ripristinare lo stato dei luoghi“.

Una vera mazzata per i cittadini, costretti quindi a fronteggiare l’ennesimo problema rifiuti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.