Palermo, gli effetti del lockdown: i giovani hanno paura del futuro e sono ansiosi :ilSicilia.it
Palermo

Il Garante per l’Infanzia scrive al Presidente della Repubblica

Palermo, gli effetti del lockdown: i giovani hanno paura del futuro e sono ansiosi

di
17 Luglio 2020

I giovani hanno paura e si dicono ansiosi per il futuro.

Sono questi gli effetti dovuti al lockdown, che ha costretto tutti a restare in casa a causa dell’emergenza coronavirus. Secondo un sondaggio effettuato nell’ambito di Utopia, un percorso di partecipazione e inclusione sociale rivolto a giovani italiani, migranti e rifugiati, lanciato dall’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, in collaborazione con UNICEF e INTERSOS, e somministrato ad oltre 400 ragazzi e ragazze, l’incertezza economica e nelle relazioni sono i punti che spaventano di più le nuove generazioni.

I giovani, la maggior parte d’età compresa tra i 14 e i 18 anni, affermano un cambio di routine giornaliera, a partire dalla sveglia, e in molti, durante la chiusura, sono rimasti incollati alla tv per guardare serie oppure allo smartphone per parlare con i propri amici.

Ma gli effetti dei tre mesi di chiusura si ripercuotono innanzitutto nelle relazioni. Il 59% afferma, infatti, che sono cambiati i rapporti con amici e fidanzati e che Whatsapp e Instagram sono stati gli strumenti più utilizzati per comunicare con parenti e amici.

Alla domanda: di cosa parlavate con gli amici durante il lockdown, la maggioranza ha risposto di come sarà la vita dopo l’emergenza seguito da cosa facciamo in casa, il 15% degli intervistati inoltre si dava supporto l’uno con l’altro. Il 70% ha sentito la mancanza degli amici e poi dei parenti. I giovani si dichiarano stressati, annoiati, ansiosi/angosciati, tristi e confusi e la soluzione per tornare a vivere meglio sarebbe quella di avere contatti umani.

Tra gli obiettivi i giovani adesso si prefissano di fare tutte le cose che non sono state fatte durante il lockdown, seguito da imparare a vivere il momento e non rimandare nulla.

Sono dati che preoccupano, dunque, quelli emersi dal questionario e che sollecitano un’ immediata presa di posizione da parte degli adulti e soprattutto delle Istituzioni.

A tal proposito – spiega Pasquale D’Andrea, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Palermo – ho denunciato, tramite lettera al Presidente della Repubblica, il non ascolto dei ragazzi e delle ragazze , e grazie all’aiuto di alcune Associazioni ho sentito la loro voce, in rapporto alla Convenzione ONU, sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza , in particolare l’articolo 12 , il diritto ad essere ascoltati”.

Dal lavoro, tra i diversi risultati, salta fuori che gli adolescenti dichiarano: “Non è vero che non siamo responsabili , ci prendiamo cura degli anziani e dei genitori. Forse gli adulti debbono più stare attenti a loro e prendere più precauzioni”. Una considerazione che spesso non viene percepita dagli adulti.

La ricerca integrale, la lettera indirizzata al Presidente e i suggerimenti dei ragazzi agli adulti si trovano sulla pagine Fb del Garante Infanzia e Adolescenza del Comune di Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin