Palermo: gli ospedali ormai come un 'Fight Club', un altro infermiere preso a calci e pugni :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

"Punire violenze ingiustificate"

Palermo: gli ospedali ormai come un ‘Fight Club’, un altro infermiere preso a calci e pugni

di
13 Aprile 2018

Il personale degli ospedali è diventato il bersaglio facile di chi alle parole preferisce usare le mani. Ieri sera, si è consumato l’ennesimo episodio di violenza ai danni di un infermiere dell’ospedale Civico.

Un paramedico di 50 anni, infatti, è stato aggredito due volte nel giro di poche ore. I fatti sono stati denunciati dai vertici dell’azienda sanitaria alla polizia.

Il primo scontro è avvenuto tra l’infermiere e i tre parenti di una ragazza arrivata al pronto soccorso dopo un incidente stradale cui era stato assegnato un codice verde.

I tempi d’attesa fra gli accertamenti, la valutazione ortopedica e quella neurologica sembrerebbero essere stati un po’ più lunghi del necessario. Questo sarebbe alla base della rabbia dei familiari che avrebbero preteso di avere risposte nel più breve tempo possibile.

Quindi via a offese e spintoni, interrotti grazie all’intervento della guardia giurata in servizio al pronto soccorso e di qualche paziente. Dopo un’ora il medico in servizio e lo stesso infermiere sono stati costretti a chiudersi dentro uno sgabuzzino aspettando l’arrivo della polizia. 

Protagonista di un’altra aggressione è il padre di una bambina arrivata al pronto soccorso. L’uomo, grazie a qualche conoscenza nell’ospedale, sarebbe arrivato nella zona che al momento è inaccessibile al pubblico. Avrebbe preteso una visita urgente per sua figlia. L’infermiere, per proteggere il medico donna, ha chiuso una porta e l’uomo l’ha sfondata. A quel punto l’aggressore ha iniziato a inseguire l’infermiere e lo ha colpito con alcuni pugni. Medico e infermiere sono riusciti a trovare riparo, anche in questo caso, nel ripostiglio in attesa dell’arrivo della polizia, avvenuto pochi minuti dopo.

commissario arnas civico
Giovanni Migliore

Episodi di violenza che si vanno, quindi, ad aggiungere agli altri che si sono susseguiti in questi giorni. Il commissario e rappresentante legale dell ‘Arnas Civico, Giovanni Migliore, ha fatto un esposto alla Procura della Repubblica con cui ha segnalato ulteriori aggressioni verificatesi il 7 aprile ai danni di alcuni medici. Lo testimonia anche uno stralcio del documento che Migliore ha postato nella sua pagina Facebook corredato da un suo messaggio: ” #tolleranzazero per chi risponde con la violenza ingiustificata al quotidiano impegno di competenza e sacrificio dei professionisti di #arnascivico2018″.

Prima di ieri sera, la spirale di violenza in corsi si era fermata in un reparto psichiatrico dell’Asp 6, in questo caso però era stato un infermiere a sedare un paziente con una testata.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco