Palermo, i sindacati uniti al Foro Italico: "Investire le risorse europee per il lavoro" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

La manifestazione

Palermo, i sindacati uniti al Foro Italico: “Investire le risorse europee per il lavoro” | VIDEO

di
18 Settembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Utilizzare le risorse europee per il rinnovamento dei modelli sociali e per tutela del lavoro. Questo è quel che invocano ad alta voce i sindacati nella manifestazione “Ripartire dal lavoro” organizzata da Cgil, Cisl e Uil a livello nazionale in diverse città d’Italia.

A Palermo la manifestazione, organizzata in ossequio alle norme anti-Covid e al protocollo di distanziamento sociale, si è svolta sulla Terrazza sul Mare del Foro Italico alla presenza di sindacalisti e lavoratori della confederazione di sindacati provenienti da tutta la Sicilia.

All’incontro con i lavoratori, oltre che nove delegati dei sindacati in rappresentanza dei diversi settori dell’economia, hanno partecipato i segretari regionali della confederazione Alfio Mannino (Cgil), Sebastiano Cappuccio (Cisl) e Claudio Barone (Uil).

Alfio Mannino

“Noi rivendichiamo – ha spiegato Manninoun nuovo modello sociale e di sviluppo. Il Coronavirus ha fatto emergere le fragilità del nostro sistema-paese. I dati delle ultime settimane – ha proseguito – ci dicono che c’è un aggravamento dal punto di vista sociale e occupazionale. Noi reclamiamo anche sulla base delle risorse che il paese avrà a disposizione, nuovi investimenti per l’istruzione, per la sanità – conclude Mannino – rilanciare un nuovo modello di sviluppo che parta dalla riconversione green del nostro modello industriale e rilanciare due settori strategici che sono turismo e agricoltura”.

Sebastiano Cappuccio

Di avviso simile è anche il segretario regionale della Cisl Sebastiano Cappuccio: “Ripartire dal lavoro è quello che noi chiediamo. Rilanciare il paese – ha spiegato – dando fondo a tutti gli investimenti messi in atto e destinandoli alla crescita e allo sviluppo, quindi al lavoro e all’occupazione e alla rimessa in moto dei meccanismi dello sviluppo. Se questo non avviene adesso noi perderemmo una delle più grandi opportunità nella difficoltà della pandemia. Questo è il momento della coesione sociale – ha concluso – dell’unità di intenti e soprattutto di indirizzare il paese verso un nuovo modello di sviluppo”.

Claudio Barone

Claudio Barone, segretario regionale della Uil ha invocato una particolare attenzione per la nostra regione: “L’Europa ha sbloccato risorse importanti – ha affermato – non vanno sprecate. Chiediamo al governo di dare un segnale concreto, di recuperare il ritardo del mezzogiorno e della Sicilia. Bisogna decidere veramente, senza fare più balletti, su quali infrastrutture puntare – ha proseguito – bisogna potenziare i collegamenti informatici e la digitalizzazione. C’è un’opportunità di creare lavoro per i giovani, bisogna investire in formazione professionale. Si può agganciare la ripresa. Il Coronavirus – ha concluso Barone – è un’emergenza ma può diventare un’opportunità. Bisogna cambiare passo: ancora non abbiamo segnali in questo senso. Cgil, Cisl e Uil continueranno a farsi sentire finché non arrivano“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin