Palermo, il centrodestra dice no alla richiesta di aiuto di Orlando: "Si dimetta" :ilSicilia.it

il fatto

Palermo, il centrodestra dice no alla richiesta di aiuto di Orlando: “Si dimetta”

di
14 Maggio 2021

“Per l’intera consiliatura le forze di minoranza, senza mai mettere in pratica una opposizione sterile, hanno sempre operato nell’interesse della Città proponendosi e lavorando per costruire, e non per distruggere. Si è sempre mostrato grande senso di responsabilità verso i cittadini, nei lavori d’aula e non solo” – si legge in una nota congiunta di tutto il centrodestra unitariamente i capigruppo, i segretari cittadini e tutti i consiglieri comunali di Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Diventerà Bellissima e Udc, che ieri sera si sono riuniti a seguito della recente richiesta di sostegno politico del Sindaco Orlando, per portare a termine naturale il proprio mandato.

Il Sindaco, che ha governato negli ultimi dieci anni frapponendo la propria autoreferenzialità ai veri bisogni dei cittadini, ci lascerà una città che è tra le ultime città italiane ed europee in tutte le classifiche, per vivibilità, per tasse altissime, per efficienza dei servizi essenziali – si legge ancora nella nota -. Strade dissestate dal centro alle periferie abbandonate, salme accatastate nei viali dei cimiteri in attesa di una degna sepoltura, un’economia in forte difficoltà e per alcuni ambiti ormai al collasso, e non solo a causa della pandemia. Dopo 10 anni di malgoverno, oggi il primo cittadino ha scoperto di non avere i numeri per continuare a sopravvivere e cerca disperatamente appigli.”

“Valuteremo in Consiglio Comunale, di volta in volta, quali saranno le priorità per la città e come orientarci. Il Sindaco non avrà alcuna risposta dalle opposizioni, se non la richiesta di dimissioni”, conclude la nota.

La coalizione di centrodestra contestualmente ha deciso d’insediare immediatamente un tavolo tematico, per la composizione del programma, in vista della scadenza elettorale per il 2022. “Sono tanti i gap da colmare, siamo aperti al dialogo e al confronto con quanti hanno a cuore la città, per stilare un programma serio e condiviso, che sia credibile a quanti vorranno tornare ad investire sui giovani e sulle opportunità economiche che si genereranno per ridare un futuro certo che porterà alla rinascita la Città di Palermo nel post pandemia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin