Palermo, il Comune presenta il "Portale delle Culture" tra innovazione e fruizione :ilSicilia.it
Palermo

Presentazione degli assessori comunali Zito e Petralia Camassa

Palermo, il Comune presenta il “Portale delle Culture” tra innovazione e fruizione

di
12 Maggio 2021

Questa mattina, alle ore 11.00, nel corso di una videoconferenza, è stato presentato il “Portale delle Culture” della città di Palermo da parte dell’assessore comunale alle Politiche Giovanili, allo Sport, all’Innovazione e ai Rapporti funzionali con SISPI, Paolo Petralia Camassa e da parte dell’assessore comunale alle Culture, agli Spazi museali ed espositivi, alla Toponomastica e alla Partecipazione democratica e Consulte, Mario Zito.

Il “Portale delle Culture”, che tra qualche giorno sarà visitabile per cittadini e turisti, è un sito di promozione delle attività culturali e artistiche più significative della città di Palermo. Uno strumento fondamentale per proiettare e traghettare il capoluogo siciliano verso una digitalizzazione sempre più presente nelle istituzioni pubbliche e private, favorendo la fruizione, da parte del pubblico, dell’ampia offerta culturale cittadina. Un incubatore di informazioni che potrà favorire anche il settore turistico e tutto l’indotto ad esso collegato.

 “Il Portale – ha dichiarato l’assessore Petralia Camassa, durante la presentazione in videoconferenza di questa mattina – potrà rappresentare una vetrina per le attività culturali e artistiche di Palermo. Un sito facilmente accessibile, dove sarà possibile usufruire di un’offerta culturale e artistica in modalità più agevole“.

L’assessore ha voluto sottolineare che “In SISPSI  si sta facendo un percorso d’integrazione tra portale delle culture e portale del turismo, per rendere questa offerta al visitatore ma anche al cittadino palermitano” più semplice e coordinata possibile. In sostanza, un modo innovativo per “poter fruire di alcune offerte della città […] in modo agile, attraverso dei portali rinnovati“.

L’innovazione come metodo trasversaleun concetto che l’assessore Petralia Camassa ha voluto ripetere più volte nel corso del suo intervento – non solo perché siamo investiti dal drammatico coronavirus ma anche perché questo percorso di trasformazione doveva avvenire molto tempo fa e non è una questione palermitana, è una questione nazionale. Probabilmente il dramma dell’anno scorso e di quest’anno, ci ha dato il tempo per capire con calma quanto sia importante calare l’offerta culturale, le informazioni, i servizi online su dei portali e sui degli strumenti online più facilmente accessibili

Ritenevo indispensabile avere uno strumento – ha invece affermato l’assessore Zito -che permettesse a tutti gli operatori e alle istituzioni culturali e al mondo artistico di potere essere rappresentati e sostenuti anche dal Comune all’interno di un Portale che apparirà estremamente variegato, con diverse nature presenti ma che costituiscono la cifra principale di questa nostra fantastica città. Lo riteniamo un Portale estremamente libero, molto semplice nella fruibilità“.

“Quando si parla di portale delle culture – ha proseguito l’assessore alle Culture – si può intendere un portale che metta contenuti soltanto collegati alle manifestazioni istituzionali, promosse direttamente dall’Assessorato o patrocinati dall’amministrazione […] Ebbene noi pensiamo che in questo portale, proprio perché rappresenta la città di Palermo, debbano trovare spazio più attività possibili“.

“E’ chiaro – ha ricordato Zito – che il portale non potrà contenere tutte le attività, quindi un filtro sarà necessario e indispensabile. Non si tratta di censura ma semplicemente di filtri indispensabili nella fruizione corretta dei dati e delle manifestazioni. Il portale conterrà tutti i link di collegamento con tutte le istituzioni, sia pubbliche che private, con le pagine social delle istituzioni e delle associazioni, pubbliche e private, e avrà un collegamento diretto con una pagina facebook, […] più le pagine instagram“.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin