Palermo: il Comune spende più di quanto incassa. I rilievi del ragioniere generale :ilSicilia.it

difficoltà a garantire una regolare gestione

Palermo: il Comune spende più di quanto incassa. I rilievi del ragioniere generale

di
15 Gennaio 2020

A metterlo nero su bianco è il ragioniere generale Paolo Bohuslav Basile che, nel report al Consiglio comunale sull’andamento economico-finanziario dell’ente, evidenzia la difficile situazione di liquidità del Comune.

Secondo la documentazione, Palazzo delle Aquile ha incassato 947 milioni di euro al fronte delle uscite pari a 1 miliardo e 21 milioni. La restante somma è stata coperta grazie all’anticipazione di tesoreria.

L’importo compensato grazie all’anticipo, che nel 2018 è costata al Comune più di 1,5 milioni di interessi, quest’anno, secondo Ugo Forello, componente della commissione Bilancio, dovrebbe aggirarsi sui. 1,5 e 2 milioni di euro.

Il confronto tra 2018 e il 2019  ha evidenziato che, ad esempio, a parte la Tosap, la Tari è scesa a 80,5 milioni invece degli 82,6 milioni dell’anno precedente e la Tasi a 132,7 milioni invece di 158,3 milioni.

Il ragioniere Basile, inoltre, ha evidenziato all’amministrazione la “difficoltà a garantire una regolare gestione dell’attività di pagamento, con riferimento a stipendi, spese obbligatorie e contratti di servizio con le società partecipate”, certificando, in sintesi, che Il Comune non riesce a pagare con celerità i suoi fornitori accumulando un debito con più di 800 imprese, le quali hanno atteso in media, nel 2019, circa 50 giorni per la ricezione dei pagamenti.

Orlando è stato un mago nel nascondere la realtà  Il trucco però adesso è stato svelato. Per i palermitani il risveglio da questo gioco di prestigio sarà doloroso già prima che Orlando finisca la sua sindacatura”. Ha commentato Forello la situazione ed ha concluso evidenziando che “Quest’anno sarà inevitabile un aumento della Tari“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin