Palermo: "il contrabbasso parlante" al Teatro Bellini | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

CON LELIO GIANNETTO E VISITE SULLA FIGURA DI PAGANINI

Palermo: “il contrabbasso parlante” al Teatro Bellini | FOTO

9 Ottobre 2019
Lelio Giannetto
Nicolò Paganini

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Sabato 12 ottobre alle 19 (e in replica alle 21 e alle 22) il primo appuntamento della rassegna di visite teatralizzate della rassegna “Autunno al Bellini”. Con la rassegna autunnale ha inizio la campagna abbonamenti al Real Teatro Bellini.

Circondati dalle memorie del teatro più antico di Palermo, sabato 12 ottobre alle ore 19 e in replica alle 21 e alle 22 (le visite teatralizzate hanno durata di circa un’ora) avrà luogo al Real Teatro Bellini il recital “Il contrabbasso parlante” per solo contrabbasso, voce e racconti immaginari, con Lelio Giannetto (Musiche di J.S. Bach, Marcella Bella, Sting, G. Gershwin, Glen Moore, Lucio Battisti, Thelonius Monk, Miles Davis, Lelio Giannetto). La performance è preceduta dalla visita guidata sulla storia del Teatro più antico di Palermo e la figura di Paganini. La visita si dipana dalla platea al palco Reale, nel racconto delle trasformazioni del sito architettonico e dei 350 anni del Teatro di piazza Bellini.

Nicolò Paganini
Nicolò Paganini

La visita guidata, che anticipa il recital, rievoca la memoria di Niccolò Paganini superbo violinista, genio musicale. Una delle epoche d’oro del Bellini in cui contemporaneamente furono presenti le grandi figure di Gaetano Donizetti e Niccolò Paganini. Faranno parte della profonda narrazione che costituirà le visite teatralizzate del 12 ottobre, la sua biografia, gli aneddoti, la carriera musicale che più volte portò in scena delle Accademie presso quello che era il Teatro Carolino, prime forme di concerto, quando dalle corti e dai palazzi dell’aristocrazia, l’esecuzione musicale arriva anche al pubblico comune.

Una delle epoche d’oro del Bellini in cui contemporaneamente furono presenti le grandi figure di Gaetano Donizetti e Niccolò Paganini. Tre teatri inglobati in unico spazio, tra gli abiti della sartoria teatrale Pipi e la suggestione di un luogo dalla potente forza culturale.

Ticket intero € 10 – Ridotto CRAL, ARCI, over 65 € 8 – Ridotto bambini fino a 10 anni € 6.

Posti limitati, è consigliata la prenotazione (obbligatoria) con qualche giorno d’anticipo chiamando i numeri 329.8765958 – 320.7672134 o scrivendo una mail a eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline. Con la rassegna autunnale ha inizio la campagna abbonamenti al Real Teatro Bellini. Sarà infatti possibile acquistare un abbonamento a cinque visite teatralizzate, valido per 12 mesi al costo di € 35

 

LELIO GIANNETTO

Da anni impegnato all’accostamento e alla fusione dei linguaggi artistici, dotato di originale senso espressivo, Lelio Giannetto realizza un’azione scenica in cui teatro, musica, testo letterario si congiungono attraverso una sorta di movimento gestuale nello spazio scenico. La performance spazia da esecuzioni di musiche composte in senso tradizionale a quelle create hic et nunc grazie al rapporto di immediatezza che il musicista è capace di sviluppare con il pubblico rendendolo parte attiva dello spettacolo e non semplice e passivo spettatore, riprendendo la lezione futurista, o anche brechtiana, senza dimenticare Grotowski, Kantor, il nostro Pirandello e il teatro dell’assurdo. Come espressione di un linguaggio non verbale, infatti, è proprio con la musica che si può meglio rendere l’idea di un teatro del suono che coniughi ogni forma d’espressione artistica.

LA RASSEGNA DI VISITE TEATRALIZZATE “AUTUNNO AL BELLINI”

Performance artistiche (musica, danza, lirica, prosa) e visite guidate sui 350 anni del teatro di piazza Bellini e i tanti nomi illustri che vi operarono: Eleonora Duse, Gabriele D’Annunzio, Sarah Bernardht, Niccolò Paganini, Gaetano Donizetti, Vincenzo Bellini. Con gli operatori culturali di Terradamare e Lelio Giannetto, Gigi Borruso, Federica Aloiso, Angelo Sicurella, Stefania Blandebugo, Pietro Massaro, Elisa Barrale, Gianmarco Randazzo, Beatrice Cerami. Non solo la storia del Teatro, complessa e incisiva nella ricchezza culturale di Palermo, torna a essere udita tra la platea e il palco reale del Bellini, ma le arti in generale dalla musica, alla danza, fino alla prosa; la rassegna Autunno al Bellini è la formula per riaprire alle scene le porte di uno dei più simbolici monumenti della città.
Maggiori informazioni qui: www.terradamare.org/autunnoalbellini

IL REAL TEATRO BELLINI

È incastonato tra i gioielli dell’arte arabo normanna, nella scenografica Piazza Bellini, tra le storie dei dolci delle suore di Santa Caterina e dei marmi siciliani.

E la sua stessa storia si muove nella somma, in effetti, di diverse evoluzioni, dalla sua origine come Travaglino, nel periodo seicentesco, un piccolo “magaseno” dei Marchesi di Valguarnera di Santa Lucia, fino ai diversi ampliamenti, per divenire il fastoso Teatro Carolino, in onore dei sovrani borboni e, infine, nel periodo post risorgimentale diventare il teatro dedicato al celebre compositore catanese. L’incendio che l’ha devastato non ha cancellato la traccia di uno degli edifici teatrali più antichi in Italia, in cui le maggiori opere teatrali furono realizzate, in cui le celebri Eleonora Duse, Sarah Bernahrdt e Gabriele D’annunzio varcarono la porta dell’edificio. Ma la storia del Teatro Bellini, si rinnova, si inserisce in altri binari narrativi, dove poter mostrare non solo uno dei monumenti più rappresentativi della città, ma una sinergia artistica che ne riveli le attuali potenzialità culturali.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.