Palermo: "Il mare è di tutti", proteste a Mondello contro la Italo-Belga | VIDEO :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

LA PROTESTA DELL'ASSOCIAZIONE ESC E DEI COMITATI CIVICI

Palermo: “Il mare è di tutti”, proteste a Mondello contro la Italo-Belga | VIDEO

di
8 Agosto 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Si è svolta stamattina, presso via Regina Elena a Palermo, la manifestazione promossa dall’associazione costituenda Esc contro la privatizzazione del mare di Mondello.

Gli attivisti, affiancati da una rappresentanza dei Comitati Civici, hanno esposto uno striscione abbastanza eloquente: “Il mare è di tutti. Mondello bene comune“.

Le lamentele riguardano vari aspetti: dal canone ritenuto irrisorio (e rinnovato recentemente fino al 2033) alle dimensioni della battigia, ridotta sia dall’erosione delle coste sia dai lidi della stessa Italo-Belga. Un aspetto non da poco in un momento come quello odierno, in cui il coronavirus impone il rispetto del distanziamento sociale.

IL POST DEGLI ATTIVISTI

Qualche giorno fa – scrivono gli attivisti -,abbiamo lanciato una petizione che ha raccolto oltre 3500 firme e un post di denuncia sul caso Italo-belga che è stato condiviso da 1500 persone“.

E’ il momento di dire basta alla privatizzazione selvaggia del demanio marittimo e impegnare istituzioni e cittadinanza nel rispetto dei principi costituzionali“.

Troppo poco, secondo gli attivisti, il canone di 42.000€ fissato per la spiaggia di Mondello fra la Regione Siciliana e la Italo Belga.

Secondo i manifestanti, infatti, bisogna “assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti” o almeno, in subordine, metterne a bando la concessione a fronte della percezione di un congruo canone“.

GUARDA LE FOTO IN BASSO

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin