Palermo: il Museo Diocesano riapre con la bellezza dell'arte barocca | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

da oggi fino al 9 ottobre

Palermo: il Museo Diocesano riapre con la bellezza dell’arte barocca | VIDEO

di
10 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Dopo il successo raccolto al Castell’Ursino di Catania, la carrellata di arredi sacri proposta dalla mostra “Architetture barocche in argento e corallo”, fa tappa a Palermo per la riapertura del Museo Diocesano.

Un allestimento prestigioso che da oggi fino al 9 ottobre consentirà di ammirare capolavori realizzati nei laboratori artistici della Sicilia da maestranze trapanesi e messinesi, nel periodo tra il 1650 e il 1772. Diverse le preziose materie utilizzate, soprattutto argento, corallo e filato d’oro.

Un tesoro artistico distribuito in 11 sale dello storico spazio museale palermitano situato a fianco della Cattedrale. E sistemato in maniera da creare un avvolgente contrasto tra i rivestimenti scuri dei locali e la fastosa luminosità di queste opere. Si tratta di 27 paliotti, ossia i rivestimenti che coprono la parte frontale degli altari, realizzati . Oggetti che celebrano la bellezza del creato, trasportando il visitatore anche in un contesto extra-rituale: a contatto con il mistero.

A ideare e coordinare la mostra, inaugurata ieri, Rosalba Panvini e Salvatore Rizzo per la Soprintendenza di Catania, con la collaborazione della Soprintendenza di Palermo, diretta dall’architetto Lina Bellanca.

Svariati i soggetti raffigurati  in queste opere barocche, come il mare, i vasi fioriti, l’Agnello mistico: “non semplici riproduzioni di elementi decorativi tipici di questo stile artistico , ma elementi dai più complessi significati biblico-teologici e spirituali”, spiega Panvini.

Nel parterre degli esponenti delle istituzioni presenti all’avvio della mostra, l’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice: «Auguro a quanti si soffermeranno ad ammirare la bellezza estetica di questi capolavori di attivare anche gli occhi del cuore perché contemplino l’Invisibile attraverso il visibile creato dalle impareggiabili mani dell’uomo – ha detto – È fonte di gioia ricordare, come afferma Ireneo di Lione, che “la gloria di Dio è l’uomo vivente, e la vita dell’uomo consiste nella visione di Dio”».

“Questa mostra – ha detto l’assessore ai Beni Culturali Alberto Samonà è un’occasione preziosa per far conoscere e valorizzare un patrimonio di inestimabile valore della tradizione siciliana perché l’arte sacra dà vita al connubio di significato simbolico, tradizione artigianale ed espressione artistica di cui la Sicilia custodisce preziose testimonianze. Inoltre rappresenta un’opportunità per spingere di più sul fronte del turismo culturale, orientato verso la Sicilia un pubblico qualificato e far conoscere al contempo ai siciliani, attraverso il sublime espresso dai paliotti esposti, la capacità artistica delle maestranze che hanno animato l’Isola, soprattutto nel periodo barocco”.

Dal canto suo, il governatore Nello Musumeci ha sottolineato il ruolo strategico dei beni culturali nella fase politica e economica siciliana: “Solo quest’anno abbiamo impegnato 111 milioni di euro per investimenti nei beni culturali siciliani, da distribuire soprattutto su parchi archeologici e la riqualificazione dei musei (ambito in cui sono stati impegnati 21 milioni, ndr) rendendoli appetibili grazie anche alle tecnologie multimediali e integrandoli con altre attività”. Come usava dire il compianto Sebastiano Tusa, “al museo, anche per prendere un caffè”.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.