Palermo, il nuovo questore Laricchia: "Covid si combatte rispettando le regole" :ilSicilia.it

succede a Cortese

Palermo, il nuovo questore Laricchia: “Covid si combatte rispettando le regole”

di
22 Ottobre 2020

A questa questura mi accosto con grande rispetto verso una città, una provincia e una istituzione che ha pagato con un grande tributo di sangue il contrasto al fenomeno mafioso“. Lo ha detto il neo questore di Palermo, Leopoldo Laricchia, alla caserma Lungaro di Palermo. Laricchia, 62 anni, toscano, subentra a Renato Cortese, a cui ha rinvolto un ringraziamento, “perché è un grande funzionario“.

Laricchia, poi, ha detto: “Credo che la cosa più importante per un uomo delle istituzioni sia ascoltare la voce dei cittadini. La nostra funzione è quella di servire i cittadini onesti come dice anche il capo della polizia. L’ascolto è il primo passo che deve continuare a contraddistinguere l’azione di un dirigente della polizia di Stato“.

Il neo questore di Palermo proviene da Brescia e prima ancora, da questore e’ stato a Lecce e Imperia. Laricchia è intervenuto anche sul Covid-19: “La presa di coscienza della responsabilità di ognuno è indispensabile. Il Covid si può battere ma serve essere responsabili. Non c’è alcun organo di polizia che possa imporre le regole di distanziamento sociale. Ma è chiaro che siamo a disposizione per sanzionare chi dolosamente non rispetta le regole“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin