Palermo, il pirata della strada ha confessato: "Fuggito perché senza patente e assicurazione" :ilSicilia.it
Palermo

L'incidente mortale a Brancaccio

Palermo, il pirata della strada ha confessato: “Fuggito perché senza patente e assicurazione”

di
12 Maggio 2018

Emanuele Pelli ha confessato di avere travolto e ucciso con la sua auto Annamaria La Mantia e la figlia Angela Merenda, investite la scorsa notte a Palermo. L’uomo, pregiudicato, in stato di fermo in carcere, ha ammesso di essere stato alla guida dell’auto trovata poco dopo l’incidente, e di essere fuggito perché senza assicurazione e con la patente scaduta.

L’incidente in via Fichidindia, nel quartiere Brancaccio. L’automobilista è fuggito senza fermarsi a soccorrere le vittime. E’ accusato di duplice omicidio stradale.

L’uomo ha 35 anni e abita a Brancaccio, sposato e padre di due bambini. Nella sua abitazione sono in corso i rilievi dei carabinieri del radiomobile; è stato fermato al Villaggio Santa Rosalia e sottoposto all’alcol e droga test all’ospedale Civico. Quando è stato fermato non ha opposto resistenza. “Sapeva di essere ricercato”, dicono gli investigatori. Poi la confessione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.