Palermo, il pirata della strada ha confessato: "Fuggito perché senza patente e assicurazione" :ilSicilia.it
Palermo

L'incidente mortale a Brancaccio

Palermo, il pirata della strada ha confessato: “Fuggito perché senza patente e assicurazione”

12 Maggio 2018

Emanuele Pelli ha confessato di avere travolto e ucciso con la sua auto Annamaria La Mantia e la figlia Angela Merenda, investite la scorsa notte a Palermo. L’uomo, pregiudicato, in stato di fermo in carcere, ha ammesso di essere stato alla guida dell’auto trovata poco dopo l’incidente, e di essere fuggito perché senza assicurazione e con la patente scaduta.

L’incidente in via Fichidindia, nel quartiere Brancaccio. L’automobilista è fuggito senza fermarsi a soccorrere le vittime. E’ accusato di duplice omicidio stradale.

L’uomo ha 35 anni e abita a Brancaccio, sposato e padre di due bambini. Nella sua abitazione sono in corso i rilievi dei carabinieri del radiomobile; è stato fermato al Villaggio Santa Rosalia e sottoposto all’alcol e droga test all’ospedale Civico. Quando è stato fermato non ha opposto resistenza. “Sapeva di essere ricercato”, dicono gli investigatori. Poi la confessione.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.