Palermo, in fiamme l'auto di Chiara Natoli attivista di Libera | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

il mezzo era parcheggiato sotto casa

Palermo, in fiamme l’auto di Chiara Natoli attivista di Libera

di
24 Marzo 2019

L’attivista di Libera, Chiara Natoli, giovedì scorso era alla guida del corteo in memoria della vittime di mafia, e proprio in quel giorno, su Rai3 disse: “Ricordare le vittime della mafia vuol dire impegnarsi concretamente per i diritti e la giustizia sociale“, due giorni dopo, però, nel cuore della notte, le hanno bruciato l’auto parcheggiata sotto casa, nel popolare quartiere di Borgo Vecchio a Palermo.

Una sfida per tutti noi — afferma don Luigi Ciottima noi siamo molti di più. Giovedì, c’erano quasi ventimila studenti nel centro di Palermo, mentre venivano letti i nomi delle 1.011 vittime della mafia“.

Indagini sono in corso.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.