Palermo, in mostra scatti e scritti inediti della Grande Guerra in Sicilia | FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Palermo

Alla Cavallerizza di Palazzo Reale

Palermo, in mostra scatti e scritti inediti della Grande Guerra in Sicilia | FOTOGALLERY

di
1 Giugno 2018

Rimarrà in esposizione fino all’11 novembre nei locali dell’ex Centro Operativo della Regione Militare della Sicilia, all’interno della Cavallerizza del Palazzo Realela mostra “La Grande Guerra attraverso gli occhi e gli scritti di siciliani“, promossa dal Comando Militare Esercito “Sicilia”.

palazzoreale

L’esposizione, che comprende riproduzioni fotografiche e scritti di guerra provenienti dalla collezione Castrovinci, lettere dal fronte concesse dal Museo del Comune di Sutera e dalla Società Siciliana per la Storia Patria, oltre a pannelli illustrativi che ritraggono il ruolo della Sicilia nella Grande Guerra, fa parte del cartellone ufficiale di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

Nel novero delle iniziative promosse dalla Forza Armata per commemorare il Centenario della fine della Prima Guerra mondiale – ha dichiarato il generale di brigata Claudio Minghetti – abbiamo voluto inquadrare l’argomento con l’ottica locale, quella dei siciliani. La storia ci insegna che la Sicilia ha pagato un altissimo tributo di sangue, con caduti, mutilati, invalidi ed anche eroi; non solo: ha ospitato, proprio perché lontana dal fronte, migliaia di profughi delle terre irredenti e di prigionieri di guerra delle diverse nazioni che allora facevano parte dell’Impero Austro-Ungarico. Ecco perché intendiamo evidenziare l’altissima valenza della testimonianza dei siciliani e rinvigorire la memoria nei giovani siciliani di oggi.

La mostra, infatti, inclusa nel programma ufficiale delle commemorazioni a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha lo scopo di far rivivere, o conoscere alla nuove generazioni, questi eventi tragici che fanno parte della storia collettiva di tutti e personale di un luogo.

Si potranno vedere immagini dell’epoca scattate da un ufficiale siciliano combattente, lettere e cartoline scritte da militari isolani al fronte e da prigionieri di guerra austro-ungarici detenuti in Sicilia.

L’organizzazione ha visto anche il supporto degli studenti siciliani che ha permesso di integrare la testimonianza di osservatori dell’epoca con contributi realizzati da loro stessi convogliati in una mostra itinerante nelle 9 provincie siciliane, trattando temi di ordine sociale, culturale, economico, relativi al periodo bellico, rappresentati attraverso 200 pannelli illustrativi e opere.

Coltivare la memoria e farlo soprattutto mantenendo forte il legame con il territorio – conclude il generale – è un insostituibile strumento per rinsaldare, con le bellezze e le peculiarità di ciascuno, l’identità nazionale, l’orgoglio di essere italiani, di essere tutti un unico popolo”.

La mostra, fino all’11 novembre, chiuderà al pubblico solo per un breve periodo in agosto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin