Palermo in Serie C, Virzì (UGL): “L'ingiustizia è palese” :ilSicilia.it
Palermo

Delusione rosanero

Palermo in Serie C, Virzì (UGL): “L’ingiustizia è palese”

di
14 Maggio 2019

Sulla vicenda della retrocessione del Palermo in Serie C e sulla decisione del Tribunale nazionale federale in merito al deferimento della società rosanero nell’ambito del procedimento per le presunte irregolarità gestionali tra il 2014 e il 2017 è intervenuta l’Ugl del capoluogo regionale.

“Analizzando la situazione del Palermo calcio – spiega Filippo Virzì, Portavoce dell’Ugl di Palermola giustizia ordinaria lo assolve per insussistenza dei fatti addebitati, quella sportiva lo condanna per gli stessi fatti e lo manda direttamente in Serie C. Il tribunale fallimentare di Palermo ha di recente assolto il Palermo con sentenza definitiva dalle accuse di falso in bilancio e di fallimento.

Il Tribunale Federale Nazionale, sulla base della stessa accusa e della stessa documentazione di falso in bilancio per i tre anni dal 2014 al 2017, ha invece condannato la società rosanero portandola all’ultimo posto della classifica di quest’anno. Ciò nonostante la Covisoc, organo federale che controlla la regolarità dei bilanci delle società di calcio, ha sempre dato il via libera all’iscrizione della squadra al campionato. 

Per di più, passando sopra ogni regola del diritto, la Lega Calcio di serie B ha reso subito esecutiva la sentenza del TFN decretando così la retrocessione del Palermo in serie C, senza tener conto del secondo grado di giudizio che terminerà entro i prossimi dieci giorni. L’ingiustizia è palese, – conclude Virzì – così come il disconoscimento delle regole di diritto che valgono in ambito sportivo quanto in quello civile”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin