Palermo, inaugurata la mostra sul Divino Infante a Santa Caterina | CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 10 gennaio

Palermo, inaugurata la mostra sul Divino Infante a Santa Caterina | CLICCA PER IL VIDEO

di
18 Dicembre 2021

CLICCA IN ALTO PER IL VIDEO DELLE INTERVISTE

La mostra “Sacra et Pretiosa. Cerae. Il Divino Infante nel Monastero di Santa Caterina“, inaugura – dopo la pausa forzata a cui ha costretto la pandemia – un nuovo capitolo del vasto e articolato percorso di valorizzazione delle opere d’arte sacra siciliana, iniziato nel 2018 col primo appuntamento del ciclo “Sacra et Pretiosa” dedicato ai conventi e alle chiese di Palermo e proseguita nel 2019 con “Sacra et Pretiosa – Tesori di Ciminna”.

Padre Giuseppe Bucaro

Il progetto ha l’obiettivo di far conoscere e valorizzare il patrimonio del sacro ma al contempo di raccontare la vivacità culturale e religiosa che connotava la vita all’interno dei monasteri e dei conventi e che è poco conosciuta, a causa delle rigide regole di segregazione dettate della clausura.

Sede della mostra è il Monastero di Santa Caterina d’Alessandria, che dal 2017, pur in assenza delle suore, grazie al progetto di musealizzazione frutto della sinergia tra arcidiocesi di Palermo, Fec e sovraintendenza dei beni culturali, continua a mantenersi vivo in tutti gli spazi, anche attraverso mostre a tema ed esposizioni permanenti.

Libero Italo Giannola

Rientra nell’ambito della riscoperta e della valorizzazione delle tradizioni monastiche l’uso della cera, che in Sicilia già dal Settecento assurge a vera e propria arte. Un tempo ogni monaca professa del monastero di Santa Caterina  aveva un Bambin Gesù, protetto da una scarabattola, sul cassettone all’interno della sua cella. Il Divin Infante era oggetto di contemplazione da parte della religiosa, che nell’intimità del suo cuore, in solitudine e silenzio, si interrogava e meditava sul mistero dell’Incarnazione.

Maria Concetta Di Natale

Diffuso era l’uso di rivestire i bambinelli con corredini, spesso ricamati o di adornarli con gioielli in corallo, in ossequio alla consolidata tradizione siciliana di donare ai neonati il corallo, a scopo apotropaico.

Oggi, nelle stanze preposte un tempo alla vita comune delle suore, al primo piano del monastero, sono esposti piccoli e grandi capolavori in cera, d’ambito siciliano, che attestano il culto e la devozione al Divino Infante: vezzosi Gesù in fasce, perfetti in ogni dettaglio, realizzati da virtuosi “bbambiniddari” palermitani, che avevano bottega in via dei Bambinai, nei pressi della Chiesa di San Domenico; bambinelli di produzione ericina, alcamese, salemitana, realizzati in seno alle comunità monastiche femminili. I vari ambiti di produzione del territorio si differenziano per la diversità delle tecniche e dei materiali utilizzati, oltre che per i differenti caratteri formali.

Nicol Oliveri

Molti dei “Bambinelli” in esposizione provengono da collezioni private: si tratta spesso di manufatti che hanno anche un forte valore affettivo, perché se ne tramanda il possesso di generazione in generazione, in ambito familiare.

La rappresentazione più diffusa è quella del bambinello in fasce, in atteggiamento dormiente nella sua culletta o in una cesta, o disteso su un divanetto, o inserito in un tempietto o in un giardino, o sdraiato su rocce di sughero. Bambinelli minuscoli di cera sono inseriti all’interno di un guscio di noce, o su una pala di fico d’india. Non manca tuttavia il Salvator Mundi (il bambino benedicente con il globo in mano); il Buon Pastore che affianca il suo gregge; l’Ortolano, il Bambinello con i cuori, il Bambin Gesù con i simboli che prefigurano la futura passione (chiodi, martelli, scala, corona di spine), il Bambinello tra le braccia di San Giuseppe o della Madonna.

La mostra è a cura di Nicole e Maria Oliveri.

Maria Oliveri

Il comitato scientifico è composta da padre Giuseppe Bucaro presidente, direttore dell’Ufficio Beni culturali dell’Arcidiocesi e dal soprintendente la dottoressa Selima Giorgia Giuliano e la professoressa Maria Concetta Di Natale, da Maria Reginella, Libero Italo Giannola, Sergio Intorre, Rosalia Francesca Margiotta, Giovanni Travagliato, Maurizio Vitella.

La mostra è aperta al pubblico dal 18 Dicembre 2021 al 10 Gennaio 2022, dalle ore 10.00 alle ore 18.00.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.