Palermo invasa dai rifiuti, consiglio comunale: "Manca una programmazione della Rap" :ilSicilia.it
Palermo

Il presidente dell'azienda Norata addita l'amministrazione

Palermo invasa dai rifiuti, consiglio comunale: “Manca una programmazione della Rap”

di
16 Gennaio 2019

Palermo una città che cade a pezzi, dove si continua a parlare di emergenza per i rifiuti, per la mancata illuminazione e per la carente manutenzione della strade: pali della luce che vengono tolti e mai rimpiazzati, altri che cadono distruggendo auto, questi i temi che per ora vengono affrontati i consiglio comunale.

A rispondere nella seduta di ieri, sull’emergenza rifiuti, il presidente della Rap, Giuseppe Norata, chiamato in causa per trovare il nodo del problema della gestione dell’azienda che si trova in evidente sofferenza, per un problema di conti, per un problema di personale sottodimensionato che viene spostato da un settore a un altro ma senza essere mai incrementato e mezzi per lo spazzamento e per la raccolta che rimangono fermi perchè guasti ma di cui viene periodicamente rinnovata l’assicurazione a spese dei cittadini.

Sandro TerraniOgnuno si prenda le proprie responsabilità“, questo afferma Sandro Terrani, capogruppo del Mov139 a Sala delle Lapidi, durante l’audizione in consiglio comunale, in risposta al presidente Rap, Giuseppe Norata, che ha additato il Consiglio Comunale di essere poco collaborativo – “La Rap – prosegue Terrani – ha trasferito il personale dello spazzamento e della manutenzione strade alla raccolta differenziata, svuotando due settori, senza raggiungere neanche il 30% di differenziata“.

Certamente, ed è lapalissiano – aggiunge il capogruppo – c’è una mancanza di programmazione e di piano industriale tale da potere fare funzionare una società che gestisce un servizio di pubblica utilità come i rifiuti. Dobbiamo tutti insieme creare le condizioni affinché si possa porre rimedio oramai ad una situazione che non è più sostenibile”.

Bene invece l’isola ecologica in via dei picciotti – conclude il consigliere – Ma ce ne vorrebbe una per ogni quartiere dove in atto non è prevista la raccolta differenziata“.

Giulio Tantillo

Apprendiamo di un credito vantato da Rap dal Comune per ben 43 milioni di euro per servizi resi negli ultimi anni – dice il capogruppo di Forza Italia, Giulio Tantillo –  La relazione del presidente Norata ci dà lo spaccato di una città messa male, per questo occorre una programmazione puntuale dallo spazzamento alla raccolta dei vari rifiuti.

Le campane sono stracolme e il ritiro non è puntuale, la raccolta differenziata va a rilento, i cittadini sono stanchi. Non vogliamo scaricare tutte le responsabilità all’attuale presidente, di cui apprezzo la volontà del fare ma manca l’organizzazione a partire dai mezzi e dai turni. I conti non tornano ma nessuno pensi ad un aumento della tassa perché siamo fortemente contrari. Tra sei mesi verificheremo la situazione Rap e se non va il presidente ne prenda atto” conclude Tantillo.

consiglio comunale palermoLa Rap riesca ad organizzare le proprie energie lavorative e tenti realmente a far decollare la raccolta differenziata e certamente troverà la collaborazione richiesta in tutto il consiglio comunale” afferma il consigliere comunale Giulio Cusumano che durante la seduta ha portato la sua personale esperienza, negativa, sulla raccolta differenziata, che praticamente non esiste o almeno non è percepita dal cittadino che, in preda alla confusione, non sa dove e come conferire i rifiuti.

LEGGI ANCHE:

Rifiuti ingombranti a Palermo, per Orlando potrebbe essere colpa della mafia | Video servizio

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.