Palermo: la bandiera della comunità trans esposta a Palazzo delle Aquile :ilSicilia.it
Palermo

SI CELEBRA OGGI IL "Transgender Day of Remembrance"

Palermo: la bandiera della comunità trans esposta a Palazzo delle Aquile

di
20 Novembre 2019

Il pride a Palermo entra nelle vene del comune e lo fa attraverso una bandiera trans esposta proprio nella sede di Piazza Pretoria.

Il vessillo sventola dalla finestra centrale del “Palazzo” dell’istituzione del capoluogo siciliano, in occasione della giornata in ricordo del “Transgender Day of Remembrance“, ricorrenza per celebrare le vittime dell’odio e del pregiudizio all’interno della comunità LGBT.

L’evento, che si celebra il 20 novembre, venne introdotto da Gwendolyn Ann Smith in ricordo di Rita Hester, il cui assassinio nel 1998 diede avvio al progetto web “Remembering Our Dead” e nel 1999 a una veglia a lume di candela a San Francisco.

Da allora l’evento è cresciuto fino a comprendere commemorazioni in centinaia di città in tutto il mondo.

Palermo si è mostrata, in questi anni, molto sensibile alle tematiche che interessano la comunità Lgbt e il mondo inerente alle problematiche che interessano le categorie “sensibili”.

Scrive la pagina Facebook del Pride di Palermo: “Siamo in via Generale Magliocco a partire dalle 16 insieme al gruppo Trans di Arcigay Palermo con un gazebo e tante iniziative per combattere la transofbia e la discriminazione“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.