Palermo, la città delle donne :ilSicilia.it
Palermo

Tutti i nomi

Palermo, la città delle donne

di
9 Agosto 2021

Soltanto una donna, Elda Pucci nel 1983, è stata eletta sindaco di Palermo. Perché solo una?

Carolina Varchi

Palermo maschilista oppure le donne non intendono impegnarsi in una sfida così importante?

Sono i partiti e le coalizioni a pensare quasi esclusivamente al maschile?

Potrei continuare con ipotesi e congetture, ma penso che i tempi abbiano abbondantemente superato anche queste dissertazioni.

I fatti sono questi.

Nella primavera del prossimo anno, tra circa nove mesi i palermitani voteranno per il nuovo sindaco.

Marianna Caronia
Marianna Caronia

Leoluca Orlando, infelicemente, ha terminato il suo doppio mandato. Scade e non è ricandidabile a sindaco della Città.

Quindi tocca ai palermitani scegliere.

Altro fatto chiaro è che le donne in grado di candidarsi per amministrare la città ci sono, eccome se ci sono.

Ma la mia domanda è: queste donne ne hanno voglia? Mi spiego. Per farsi candidare a Sindaco bisogna lottare dentro il proprio partito o movimento, poi imporsi

Monterosso
Patrizia Monterosso

all’interno della coalizione ed infine avere un programma nuovo ed innovativo da proporre agli elettori.

Nelle ultime settimane alcuni partiti hanno mostrato interesse per una candidatura al femminile e tanti nomi circolano.

Carolina Varchi avvocato di Fratelli d’Italia, deputato nazionale molto vicina a Giorgia Meloni ed in piena pole position in città per una candidatura nel centrodestra. Marianna Caronia neo leghista, deputata regionale e battagliera consigliera comunale antiorlandiana. Patrizia Di Dio imprenditrice e presidente di Confcommercio Palermo, da sempre impegnata per le imprese al femminile. Patrizia Monterosso, Direttrice della Fondazione Federico II, vicina al Presidente dell’Assemblea Regionale Gianfranco Miccichè ed artefice del rilancio internazionale della Fondazione.

Rosi Pennino
Rosi Pennino

Caterina Chinnici, magistrato e deputata europea del Pd.  Rita Barbera, già candidata a sinistra, per lungo tempo, direttrice del Carcere palermitano Ucciardone. Giulia Argiroffi, architetto ed attuale consigliera comunale, eletta nel movimento Cinquestelle ha successivamente dato vita al gruppo consiliare Oso, stakanovista del consiglio comunale e oppositrice doc del sindaco Orlando. Rosi Pennino, neo dottoressa in legge e presidente di Parlautismo, Responsabile del Dipartimento pari opportunità e disabilità di Forza Italia, da sempre impegnata nel sociale e nelle periferie abbandonate della città. Teresa Piccione già deputata del Pd, vicina al ministro Franceschini, di lunga tradizione Cattolica. Francesca Donato, avvocato e deputata europea della Lega, fondatrice del Progetto Eurexit, nota esperta di economia e finanza pubblica.

Francesca Donato, Lega
Francesca Donato

E se poi dovesse spuntare il colpo di teatro?

Una candidatura di qualche personaggio nazionale, istituzionale anche se non palermitano?

Un grande ufficiale di collegamento tra la capitale della Sicilia e del Mediterraneo ed i Governi Italiano ed Europeo?

Ce ne sono, lo avevo detto, a destra ed a sinistra… Ne volete ancora?

Ricordiamoci che Palermo è la quinta città d’Italia, che ci saranno da gestire fiumi di denari del Pnrr e tante altre opportunità che nelle mani giuste potrebbero rilanciare la città.

Insomma, una buona madre di famiglia al posto degli ultimi papà che, in verità, per la famiglia palermitana poco e niente hanno fatto.

Sfatata la minchiata che donne non ce ne sono, resta solo la considerazione iniziale.

Queste o altre signore desiderano impegnarsi per la città e lottare per la carica di Sindaco?

Non è facile ma in politica nulla è facile.

Queste donne che ho citato, e non solo loro, non si sono imposte nei loro ruoli grazie alle quote rosa o parità di genere o altre invenzioni fuori moda e senza i risultati sperati. Hanno lavorato sodo e lottato, si sono imposte perché conoscono qualcosa e non qualcuno.

Vorrei però vederle in prima fila, senza i tatticismi dei loro competitors maschili, a pretendere la leadership comunale.

A lottare con programmi veri, fattibili e per la gente.

Io ci credo… e le donne ?

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin