19 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.48

Facile :"Palermo non tornerà a Zamparini"

Palermo, l’A.D. Facile: “Pagheremo stipendi e su Follieri …”

7 Febbraio 2019

Per il Palermo è arrivata la messa in mora da parte dell’ex patron Maurizio Zamparini e si profila l’ipotesi di una nuova vendita.

Sarebbero stati avviati nuovi contatti con Raffaello Follieri, l’imprenditore foggiano che si era fatto avanti già in passato, prima della cessione alla società inglese Sport Capital Group che avevano acquisito il 100% delle quote del club di Viale del Fante e che pian piano  si sono lentamente dileguati uno dopo l’altro.

Follieri nel pomeriggio è arrivato a Palermo e dall’aeroporto è andato direttamente al Grande Hotel Wagner per incontrare  l’avvocato Francesco Paolo Di Trapani e sembra stia verificando carte relative al Palermo con l’intenzione di acquisire il 100 % della società di Via del Fante e sembrerebbe anche in tempi brevi.

Vediamo cosa succede. Per ora prendiamo atto di questa sua presenza e di quella che sembrerebbe la volonta di acquisire il club.

Se son rose fioriranno !

Intanto in  esclusiva a SportNews.eu, è intervenuto Emanuele Facile, amministratore delegato dei rosanero e rappresentante della Financial Innovation, nell’operazione che portò al cambio di proprietà ed attualmente unico rappresentante con una carica ufficiale in seno al club rosanero.

Di seguito, le sue dichiarazioni.

Dottor Facile, cosa sta succedendo al Palermo?

“La situazione va avanti molto positivamente. Per le scadenze previste tutto è a posto”.

Quindi entro il 16 pagherete gli stipendi ai calciatori, i quali, a prescindere dai soldi, dicono di sentirsi abbandonati?

“Si, pagheremo entro la scadenza. Io sono molto impegnato a dare supporto alla società. Capisco lo stato d’animo dei giocatori. Della squadra si sta occupando il ds Rino Foschi e io ci sono quando posso. Quello che si legge spesso non è vero.”.

Nel frattempo Maurizio Zamparini ha messo la società in mora. C’è la possibilità che il Palermo torni al suo ex patron?

“No, assolutamente. Peraltro non è una messa in mora vera e propria ma ci ricorda di quelli che erano stati gli intenti. Il piano prevede il versamento delle risorse finanziarie entro certe date e verrà fatto”.

Sta provando a vendere il club? E’ vero che sta trattando con Raffaello Follieri?

“Non posso risponderle, soprattutto in un momento come questo”.

Un appello a quei tifosi che hanno esposto uno striscione con scritto <Facile nemico di Palermo>?

“Credo di aver difeso la continuità della direzione sportiva e la squadra. Ho fatto quanto potevo. Poi ognuno può esprime i propri giudizi”.

Il presidente dimissionario Richardson l’accusa di non aver mantenuto le promesse in base alle quali lei avrebbe assicurato introiti per 30 milioni. Cosa risponde?

“Replicheremo al momento e nel modo opportuni”.

Quintiliano Giampietro

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.