Palermo, la Giunta approva l'accordo con la Regione per la piazza del quartiere ZEN :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

Palermo, la Giunta approva l’accordo con la Regione per la piazza del quartiere ZEN

di
23 Dicembre 2021

La Giunta comunale ha approvato l’accordo istituzionale tra la Regione Siciliana e il Comune di Palermo per l’attuazione dell’intervento di riqualificazione urbana denominato ‘Progetto per la realizzazione di una piazza prospiciente la chiesa di San Filippo Neri del Quartiere ZEN di Palermo’. L’importo presunto complessivo dell’opera è di tre milioni di euro.

Il Comune di Palermo e la Regione siciliana, in seguito a varie interlocuzioni tra gli assessori Giusto Catania, Maria Prestigiacomo e Marco Falcone si sono posti l’obiettivo comune di intervenire nell’ambito del Quartiere san Filippo Neri – ZEN, attraverso la realizzazione di progetti che, oltre a riqualificare il territorio, si pongano l’obiettivo dell’inclusione e della socializzazione degli abitanti del quartiere.

A tal fine è stato individuato quale intervento da finanziare e realizzare la creazione di una piazza localizzata nel cuore del quartiere, prospiciente la parrocchia di San Filippo Neri, aperta anche al resto della città per la sua posizione e facile raggiungibilità.

L’intervento di riqualificazione – afferma l’assessore all’Urbanistica, Giusto Catania –  assume una valenza sociale e la destinazione è coerente con la previsione del Piano Regolatore vigente per le aree interessate dal progetto, per le quali era prevista una destinazione pubblica. La decadenza dei vincoli espropriativi, in assenza di un nuovo strumento urbanistico all’ordine del giorno del Consiglio comunale, impone la necessità di approvare l’intervento in variante”.

Ai fini dell’attuazione – dichiara l’assessora alla Rigenerazione Urbana, Maria Prestigiacomo il Comune di Palermo si impegna a mettere a disposizione della Regione le aree di proprietà comunali ricadenti nel sito oggetto della progettazione e realizzazione dell’intervento, e a delegare la Regione e il RUP a procedere con le attività inerenti l’espropriazione delle aree”.

Il sindaco, Leoluca Orlando, sottolinea che oggi “il tema della riqualificazione delle periferie delle grandi aree metropolitane è centrale nell’odierno dibattito politico, urbanistico e sociale e gli interventi finalizzati a tale scopo sono ritenuti strategici dalle Amministrazioni che operano sul territorio a tutti i livelli amministrativi. La buona collaborazione istituzionale con la Regione permetterà di realizzare un’opera che contribuirà alla riqualificazione di una parte importante della città di Palermo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.