Palermo: la grande notte del Festino di Santa Rosalia :ilSicilia.it
Palermo

il 14 Luglio dalle ore 21

Palermo: la grande notte del Festino di Santa Rosalia

14 Luglio 2019

Entra nel vivo dei festeggiamenti il 395° Festino di Santa Rosalia Palermo che da giorni intrattiene cittadini e turisti presenti in città con gli appuntamenti delle Manifestazioni a Corollario, cominciati il 10 Luglio.

Tra gli appuntamenti più attesi la lunga notte del 14 Luglio che comincerà dal Piano di Palazzo Reale, alle ore 21, con lo spettacolo “Santa Rosalia e il Genio di Palermo”: per la prima volta, infatti, i due numi tutelari della Città, religioso e laico, dialogheranno all’interno dell’articolata performance che coinvolgerà diversi gruppi artistici. Sulla scena anche due Rosalia, una danzante e una che, con il proprio canto, rappresenterà l’anima della Santuzza.

Si assisterà ad un trionfo di arti: dal teatro alla danza, dalla musica al canto, con il Coro di voci bianche e la Kids Orchestra entrambi del Teatro Massimo, per giungere alle esibizioni artistiche acrobatiche, durante la nascita di Rosalia, la tentazione dei diavoli e la Peste, che vedranno in aria cittadini palermitani nella performance curata da La Fura dels Baus e l’esecuzione della Danza del Fuoco.

Da qui l’imponente Carro Trionfale, una specie di palcoscenico mobile di 9000 chili alto 11 metri, largo 5,40 e lungo 10, animato da luci, musica e movimenti meccanici, trainato come da tradizione dai cittadini delle Comunità multietniche coordinate da Rajendra Bitrayya, da 8 detenuti del Carcere Ucciardone e dai fedeli, comincerà la sua sfilata lungo il Cassaro per giungere al Foro Italico.

Il Carro farà la sua prima sosta davanti la Cattedrale dove si esibirà la Compagnia Transe Express, per la prima volta nel cast artistico del Festino, con la performance aerea “Lacher de violons“, un dialogo tra cielo e terra che coinvolgerà 20 artisti, dove la potenza delle percussioni incontrerà la delicatezza di un quartetto d’archi e di una voce lirica; qui il Carro diventerà palcoscenico di un momento artistico, prima di ripartire per la tappa ai Quattro Canti.

Il Corteo sarà accompagnato dalla Compagnia Trans Express, fino ad un certo punto, e poi dagli Ottomani Animati e dai Tamburinai della Famiglia Auccello.

Ai Quattro Canti, prima del tradizionale omaggio floreale del sindaco dentro il Carro e invocare, a protezione della città, il nome santo di Rosalia, la Fura dels Baus presenterà, in prima nazionale, un’altra performance aerea coinvolgendo altri artisti palermitani.
Il Carro Trionfale durante questo momento, in omaggio alle quattro Sante presenti ai vertici dei Canti, svelerà la sua struttura dinamica. Seguirà l’Abballu di li Virgini che verrà ripetuto anche a Porta Felice, a conclusione di un’ultima performance aerea.

Da qui il Corteo, tra sonorità ritmate e giochi di luce, giungerà al Foro Italico.

 

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.