Palermo, la maggioranza di Orlando a pezzi: "Russo e Argiroffi al vertice dell'Urbanistica" :ilSicilia.it
Palermo

DOPO L'INCHIESTA "GIANO BIFRONTE"

Palermo, la maggioranza di Orlando a pezzi: “Russo e Argiroffi al vertice dell’Urbanistica”

di
16 Aprile 2020

Una maggioranza che non esiste più, quantomeno in Commissione Urbanistica a Palazzo delle Aquile, a Palermo.

mimmo russo e giulia argiroffi-commissione urbanistica
Russo e Argiroffi

Il 28 febbraio scorso il consigliere di Oso Giulia Argiroffi si candida alla presidenza della commissione Urbanistica denunciando la mala gestione con a capo l’ex consigliere del Pd Giovanni Lo Cascio ad oggi agli arresti domiciliari. L’ex presidente della Commissione, insieme al consigliere Sandro Terrani, funzionari e professionisti sono stati i protagonisti di uno scandalo giudiziario, l’inchiesta “Giano Bifronte”. In tutto gli arrestati sono stati 7: tra loro ci sono anche due funzionari comunali, Mario Li Castri, ex dirigente dell’Area Tecnica, e Giuseppe Monteleone, ex dirigente dello Sportello Unico delle Attività produttive, un architetto e due imprenditori.

Le accuse sono di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, corruzione per l’esercizio della funzione e falso ideologico in atto pubblico. Oggi cambio di vertice in quella che era la commissione dalle uova d’oro: nominato come nuovo presidente Mimmo Russo che oggi rispetto a mesi scorsi fa parte dell’opposizione e Giulia Argiroffi come vicepresidente anche se a quanto pare non ben voluta dalla maggior parte dei componenti presenti.

sinistra comune palermoL’elezione, oggi, del Consigliere Mimmo Russo come presidente della Commissione urbanistica e di Giulia Argiroffi come vicepresidente, rappresenta la corretta fotografia di una commissione in cui, ormai da due anni, la maggioranza non è più tale a causa dei cambi di schieramento, ed in cui i consiglieri di maggioranza sono solo 2 su 7“. Si legge in una nota dei consiglieri di Sinistra Comune.

“Sinistra Comune rappresenta con forza, in primo luogo alla maggioranza, la necessità di riequilibrare l’assetto politico, come normalmente avviene a metà mandato, per riequilibrare una commissione importante e strategica per il futuro della nostra città. Esprimiamo grande disappunto per non essere riusciti a creare una convergenza sufficiente. Pensiamo sia una scelta miope, perché sarebbe stato importante assumersi la responsabilità politica della direzione della Commissione. Con la schiena dritta e gli occhi aperti confermiamo a tutti il nostro impegno: proseguiremo come in passato anche in II Commissione a lavorare nell’esclusivo interesse della città. Agli eletti vanno i nostri istituzionali auguri di buon lavoro.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.