Palermo: la provocazione dell'artista che cita Lima e Ciancimino :ilSicilia.it
Palermo

L'installazione che irride MANIFESTA

Palermo: la provocazione dell’artista che cita Lima e Ciancimino

di
14 Giugno 2018
SFOGLIA IN ALTO LE FOTO

 

“Palermo è bella, facciamola più bella”. La celebre frase di Salvo Lima pronunciata negli anni del “Sacco di Palermo” oggi diventa uno slogan provocatorio.

“Palermo is beautiful, let’s make it more beautiful” si legge nello slogan dell’installazione artistica di Christoph Büchel. Un’iniziativa che pare una presa di distanza da Manifesta 12, la biennale di arte contemporanea che prenderà il via nelle prossime ore in città.

Una frase di ben 59 anni fa, motto politico degli esponenti della Democrazia Cristiana, Salvo Lima e Vito Ciancimino, durante il Sacco edilizio. La demolizione di Villa Deliella, gioiello liberty di Ernesto Basile, avvenne in una notte tra sabato e domenica di 59 anni fa, grazie alla intercessione di Ciancimino.

E proprio Villa Deliella campeggia nello sfondo del manifesto in bianco e nero.  Il cartello, apparso in piazza Francesco Crispi, dice: “Invest in Palermo”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin