Palermo: la provocazione dell'artista che cita Lima e Ciancimino :ilSicilia.it
Palermo

L'installazione che irride MANIFESTA

Palermo: la provocazione dell’artista che cita Lima e Ciancimino

di
14 Giugno 2018
SFOGLIA IN ALTO LE FOTO

 

“Palermo è bella, facciamola più bella”. La celebre frase di Salvo Lima pronunciata negli anni del “Sacco di Palermo” oggi diventa uno slogan provocatorio.

“Palermo is beautiful, let’s make it more beautiful” si legge nello slogan dell’installazione artistica di Christoph Büchel. Un’iniziativa che pare una presa di distanza da Manifesta 12, la biennale di arte contemporanea che prenderà il via nelle prossime ore in città.

Una frase di ben 59 anni fa, motto politico degli esponenti della Democrazia Cristiana, Salvo Lima e Vito Ciancimino, durante il Sacco edilizio. La demolizione di Villa Deliella, gioiello liberty di Ernesto Basile, avvenne in una notte tra sabato e domenica di 59 anni fa, grazie alla intercessione di Ciancimino.

E proprio Villa Deliella campeggia nello sfondo del manifesto in bianco e nero.  Il cartello, apparso in piazza Francesco Crispi, dice: “Invest in Palermo”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin