Palermo, "La ragione dei sentimenti": musica e laboratori alla mostra su Leonardo da Vinci :ilSicilia.it
Palermo

a palazzo bonocore

Palermo, “La ragione dei sentimenti”: musica e laboratori alla mostra su Leonardo da Vinci

di
24 Aprile 2019

Nell’ambito della mostra “Leonardo da Vinci, la Ragione dei Sentimenti. Macchine, Disegni e Anatomia”, in programma fino al prossimo 29 settembre a Palazzo Bonocore, a Palermo, sono state programmate diverse attività per alcuni giorni di aprile e martedì 30 l’Open day rivolto alle scuole.

Si comincia venerdì 26, alle 17, con “Le fiabe di Leonardo”, a cura di Polifonie kids. Leonardo, da bambino, amava osservare la natura, correre e rotolarsi nei campi, guardava scorrere l’acqua dei fiumi e rispecchiarsi nei laghi. Le stelle e la luna erano il suo rifugio. Leonardo, in una fiaba, narra la bellezza del suo vivere, attraverso l’animazione e la narrazione.

Gli incontri di laboratori si terranno all’interno della mostra a Palazzo Bonocore in piazza Pretoria, 2 (Gruppi di massimo 10 bambini, in presenza di un numero maggiore di dieci, si potranno fare due turni. Durata del laboratorio un’ora. Adesione 48 ore prima dell’evento. Costo Bambino €. 5,00; genitori €. 12,00). Referente: Prof.ssa Maria Alessia Misiti (palermo@polifoniedarte.com) Per info e prenotazione telefonare: 380/8652723 – 380/8652723 dalle 17.30 sino alle 20

Sabato 27, alle 17, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Palermo e con il Conservatorio di musica A. Scarlatti di Palermo, Luna Sanfratello (traduttrice dallo spagnolo all’italiano) presenta il libro “Leonardo: ostinato rigore”, di Teresa Garbi – Palermo UniversityPress . Intercaleranno la presentazione la musica e la voce di Marcello Lo Presti (liuto) e Estelle DeLuca Vinçon (voce).

Domenica 28, alle 11, sempre in collaborazione con il Conservatorio di musica A. Scarlatti di Palermo, i brani di musica rinascimentale con Marcello Lo Presti (liuto) e Estelle DeLuca Vinçon (voce).

Martedì 30 aprile alle 16, in programma l’Open day per le scuole (massimo due insegnanti a scuola). Sono già numerose le scuole che hanno prenotato e programmato le visite all’esposizione che è un omaggio per celebrare il genio italiano nel cinquecentenario della sua scomparsa. Un’occasione unica per ammirare e comprendere in una visione d’insieme la straordinaria complessità del Genio nella pittura del suo tempo, indiscusso simbolo dell’arte e della creatività italiane e considerato unanimemente il più importante tra i protagonisti della cultura, non solo del Rinascimento ma di tutti i tempi e di tutto il mondo.

La mostra ospita una ventina di macchine di Leonardo da Vinci, riprodotte fedelmente in legno ed altri materiali, tratte dai disegni originali del grande ‘genio’ italiano; modelli realizzati nel Laboratorio di Scenografia della Pusa University di Assisi.

L’esposizione accoglie anche una sezione dedicata agli strumenti musicali, in uso nel periodo di Leonardo, curata e realizzata con la consulenza artistica di Sergio Basile e in collaborazione con la Rete Museale Regionale; una decina di strumenti creati da maestri liutai, con la presentazione in esclusiva nazionale del primo organo di Leonardo, il primo in assoluto creato in Italia, realizzato dal maestro Mario Buonoconto.

Leonardo da Vinci, la Ragione dei Sentimenti” è una mostra inedita per la sua spettacolarità in grado di offrire al visitatore il racconto della genialità di Leonardo, la sua scienza ed eclettismo nelle varie discipline. Un progetto espositivo che fa proprio il concetto di “edutainment”, ossia la realizzazione di un genere d’intrattenimento culturale e “family oriented”, formativo e spettacolare.

Si tratta di una mostra in minima parte anche multimediale inedita nel suo genere, in grado di raccontare il genio di Leonardo, la sua scienza ed eclettismo nelle varie discipline. Visitatori grandi e piccoli potranno divertirsi e imparare, scoprendo con curiosità i fondamentali princìpi studiati da Leonardo e ancora oggi applicati. L’obiettivo della mostra è far interagire il pubblico con essa per comprendere ciò che Leonardo ci ha lasciato in eredità. Si tratta di un modello di esposizione unico per vivere un’esperienza formativa e una lezione innovativa ed indimenticabile.

Da non perdere assolutamente l’opera originale che ritrae una Madonna con il Bambino Gesù, dipinta su tavola da Marco da Oggiono, che collaborò con Leonardo alla realizzazione della celebre “Ultima Cena” a Milano.

Accordo con Federalberghi che promuoverà in tutti gli hotel di Palermo la mostra attraverso la distribuzione di materiale informativo ai turisti-clienti che troveranno un kit informativo ed un tagliando per ottenere uno sconto sul biglietto d’ingresso.

 

La mostra fino al 29 settembre 2019

Apertura al pubblico: 13 aprile 2019 |  19.00 – 24.00

Orari: tutti i giorni dal lunedì al venerdì ore 9.30 -20; sabato e domenica ore 9.30 – 21.30 (ultimo ingresso trenta minuti prima della chiusura).

Produzione: Navigare Srl – info: 345/2750787 (info@navigaresrl.com)

Biglietti – Intero: € 12;  Ridotto: € 10 per over 65 anni, forze dell’ordine, vigili del fuoco, personale docente ed educativo Ministero Pubblica Istruzione; € 8: convenzioni, universitari, ragazzi fino a 18 anni, gruppi minimo 20 pax e disabili; € 5: visita scuole. Gratuità: bambini fino a 6 anni. La biglietteria chiude trenta minuti prima dell’orario di chiusura.

Biglietteria/Info: Palazzo Bonocore – tel. 0916870520 – 342/1468635 – 345/2750787.

www.mostraleodavinci.it

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.