19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.19
Palermo

Sabato 12 gennaio, dalle ore 18 a piazza Rivoluzione

Palermo, laboratorio di pittura con Francesco De Grandi

11 Gennaio 2019

Sabato 12 gennaio, dalle ore 18:00 a Palermo, presso lo spazio Arèa di piazza Rivoluzione, è previsto il “Dialogo sulla Pittura con Francesco De Grandi, un laboratorio di pittura che si concentra sull’analisi della Materia Pittorica intesa come fenomeno osservabile.

Nella libertà delle inclinazioni personali, dei gusti e delle volontà contenutistiche di ogni Allievo si cercherà di indirizzarlo verso un uso consapevole del mezzo, nella costruzione di un vocabolario pittorico ampio, per offrirgli la possibilità di esprimere in maniera efficace le proprie istanze pittoriche.
L’aspetto pratico assumerà importanza fondamentale, esso è motivo di sperimentazione e verifica.

I momenti di revisione, personalizzati a seconda del grado di avanzamento del lavoro di ogni Allievo, saranno occasione per tutta la classe per approfondire problematiche che, partendo dal lavoro del singolo, interessano il dibattito generale sulla Pittura e su i suoi meccanismi.

Per ogni allievo verranno indicati specifici percorsi formativi, che comprenderanno approcci tecnici e stilistici.

La pittura è un mezzo per esprimere la propria interiorità e per conoscere se stessi e ciò che ci circonda. A prescindere degli esiti estetici essa ci conduce verso una maggiore consapevolezza e rappresenta una pratica che rende la nostra esistenza migliore, ci insegna a percepire il mondo sotto
punti di vista trasversali e inaspettati. La pratica disciplinata ed il raggiungimento degli obiettivi prefissati è un’ottima palestra per mantenere saldo il nostro centro e il nostro equilibrio psichico.

Il corso si prefigge di fornire ai partecipanti un vocabolario espressivo, un bagaglio tecnico per poter praticare la Pittura in maniera fluente ed efficace.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.