Palermo, l'assessore Catania elogia le piste ciclabili. Ma i cittadini lanciano una petizione: "Progetto senza logica" :ilSicilia.it
Palermo

INSODDISFAZIONE NEL CAPOLUOGO SICILIANO

Palermo, l’assessore Catania elogia le piste ciclabili. Ma i cittadini lanciano una petizione: “Progetto senza logica”

di
18 Settembre 2020

Proseguono i lavori sulla pista ciclabile e già cominciano a vedersi i primi risultati…ancora un po’ di pazienza“.

Queste le parole sui social dell’assessore alla mobilità Giusto Catania che, attraverso i social, vanta il suo operato in merito al traffico sostenibile di Palermo. Ma le piste ciclabili non piacciono a molti cittadini.

In tanti lamentano la mancanza di una vera e propria progettualità e la pericolosità delle stesse. Proprio in queste ore, tramite il tam tam su Facebook più di mille e cinquecento palermitani hanno firmato una petizione sul sito Change.org dal titolo: “Revoca della Assurda pista ciclabile Villafranca – Praga”.

“Un’arteria di traffico, già con problemi, non si intasa. Fra i tanti posti in cui si poteva realizzare una bella pista ciclabile si è scelto, per cieca protervia, senza confronto o consenso, il peggiore. Peraltro con soluzioni di insicurezza e illogicità per ciclisti, automobilisti e pedoni. Vogliamo Liberare Palermo da questa arroganza e stoltezza con cui si tratta il bene comune e la qualità della vita dei palermitani. Non vogliamo protestare. Vogliamo cose fatte bene per il bene dei cittadini di Palermo. I palermitani meritano di più di queste cose raffazzonate, incongrue, senza logica e tecnica, senza progetto e respiro urbanistico”. Si legge nella descrizione della petizione.

Ma le critiche e le denunce nei social in merito alle piste ciclabili continuano ad aumentare, in barba ad ogni messaggio di rassicurazione da parte del sindaco Orlando e di Giusto Catania.

Sta sventrando la città senza una progettualità e una logica precisa. Di pazienza ne abbiamo fin troppa, vedere un doppio senso in una corsia ciclabile e una enorme riduzione della carreggiata con grandi rischi per i incidenti con pedoni, ciclomotori, è da pazzi e senza alcun minimo senso logico“, afferma Francesco su Facebook commentando la foto pubblicata questa mattina dall’assessore alla Mobilità.

Si può prevedere una manutenzione della pista di via Lincoln e di quella di via Crispi? La prima, soprattutto è in grave stato di abbandono“, commenta Matteo. Mentre Francesco ironicamente scrive: “Quindi adesso che sono rosse migliora tutto?“.

Ma le polemiche, gli attacchi anche feroci, le proteste, i gruppi su social hanno provocato i primi effetti. L’amministrazione comunale sta cancellando le strisce blu dei parcheggi.

Troppo stretto lo spazio per le piste e i parcheggi. Se ne sono accorti dopo avere creato lunghe code in questi giorni nelle strade dove sono spuntate le piste ciclabili proprio nella zona di via Leopardi, via Villafranca e nella zona di Villa Sperlinga.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin