Palermo: l'AST lancia una campagna contro il cyberbullismo :ilSicilia.it
Palermo

ALL'INIZIATIVA SI E' UNITA LA POLIZIA DI STATO

Palermo: l’AST lancia una campagna contro il cyberbullismo

24 Ottobre 2019

L’Ast, l’Azienda Siciliana Trasporti, avvia una campagna di prevenzione contro il cyberbullismo e lancia lo slogan “ASTeniamoci dal bullismo”. Già a partire da domani, attraverso un adesivo posizionato in una zona ben visibile di ogni autobus, l’azienda prenderà le distanze dal fenomeno e sensibilizzerà i passeggeri.

L’iniziativa, realizzata con l’Associazione Made 3.0 e patrocinata dall’Assemblea Regionale Siciliana e dall’Assessorato Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale, si rivolge soprattutto agli studenti pendolari, che ogni giorno utilizzano l’autobus per raggiungere la propria scuola, e mira inoltre a coinvolgere gli utenti di ogni fascia d’età.

Il bullismo – afferma Eusebio Dalì, vicepresidente Ast – è un problema grave, il cui contrasto deve coinvolgere tutte le istituzioni, in primis quelle che, come l’Ast, forniscono quotidianamente un servizio agli studenti”.

Il progetto è fortemente sostenuto dall’azienda e sarà l’inizio di una serie di eventi che coinvolgeranno tutti i passeggeri.

Roberto Lagalla sul cyberbullismoSi tratta di un fenomeno dilagante e purtroppo in crescita – spiega l’assessore all’Istruzione Roberto Lagallasecondo un recente sondaggio Unicef un giovane su tre dichiara di essere stato vittima di bullismo online. È un dato che certamente fa riflettere e sottolinea quanto sia importante portare avanti simili iniziative di sensibilizzazione per prevenire ed informare i ragazzi su queste nuove forme di violenza”.

Secondo il sondaggio “Abitudini e stili di vita dei ragazzi e delle ragazze di Palermo”, a cura del Garante Infanzia e Adolescenza del Comune di Palermo, Pasquale D’Andrea, somministrato ad oltre 2000 studenti delle scuole secondarie di primo grado della città: l’1% dichiara di non sapere cosa siano il bullismo e il cyberbullismo; l’1,6% sostiene che il bullismo sia una bravata e/o uno scherzo e solo il 2,9% condanna entrambi i fenomeni.

E’ fondamentale– sostiene Cetty Mannino, esperta in bullismo e cyberbullismo e ideatrice della campagna di prevenzione – parlare di bullismo anche fuori dalle scuole. Il fenomeno, infatti, va contrastato a 360 gradi e la società tutta deve prendersi carico di prevenire qualsiasi gesto di prevaricazione che spesso sfocia nella violenza più atroce”.

Alla campagna si è unita anche la sezione di Palermo della Polizia di Stato, in occasione del convegno sul Bullismo e Cyberbullismo, dal titolo “Avviso ai naviganti:barracuda in rete!“, che si è svolto questa mattina presso la ex Chiesa di San Matteo ai Crociferi, alla Kalsa. Presenti all’evento il vice questore aggiunto Giovanna Giaquinto, funzionario della Divisione Anticrimine della Questura ed il Direttore Tecnico Francesco Lo Cicero, del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Palermo, i quali hanno intrattenuto una platea di interessati studenti di licei palermitani sulle modalità di approccio a tali insidiosi fenomeni adottate da parte delle rispettive articolazioni della Polizia di Stato.

La Dott.ssa Giaquinto, in particolare, si è soffermata sui principali strumenti giuridici applicati dalla Polizia di Stato per la prevenzione ed il contrasto delle forme di criminalità quali bullismo e cyberbullismo. Altrettanto significativo l’intervento del Dott. Lo Cicero che ha dispensato ai presenti utili e preziosi consigli su come riconoscere e difendersi dalle forme di manifestazione del bullismo attraverso la rete Internet.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.