Palermo, Laurea Honoris Causa ad Alberto Angela: "In Sicilia c'è un'atmosfera unica" | Video servizio :ilSicilia.it
Palermo

per il Corso in Comunicazione del Patrimonio Culturale

Palermo, Laurea Honoris Causa ad Alberto Angela: “In Sicilia c’è un’atmosfera unica” | Video servizio

di
14 Maggio 2019

GUARDA IL SERVIZIO IN ALTO 

Dalle prime ore del mattino una folla di curiosi e appassionati si è radunata davanti gli ingressi di Palazzo Chiaramonte Steri per partecipare al conferimento della Laurea Honoris Causa in Comunicazione del Patrimonio Culturale ad Alberto Angela.

Tra i massimi esperti in materia di divulgazione scientifica e storica, Angela, paleontologo, naturalista e scrittore, è autore e conduttore di diversi programmi televisivi di grande successo che trasmettono, in una formula avvincente che coinvolge soprattutto il pubblico più giovane, il rapporto vitale tra “passato e presente” in tutte le forme create dall’uomo nei secoli.

Alberto Angela

L’università degli Studi di Palermo, che ha avviato quest’anno il primo Corso di Laurea in Comunicazione del Patrimonio Culturale, ha con grande entusiasmo promosso il conferimento del diploma ad Angela poiché, se si guarda alla sua carriera di studioso e divulgatore, “ha saputo creare una relazione costitutiva che lega intimamente il bene culturale con il contesto sociale in cui è immerso e con l’ambiente umano con cui intreccia un dialogo infinito“, ha sottolineato il professore Salvatore Vaccaro, coordinatore del Consiglio di corsi di studi in Scienze della Comunicazione.

La Sicilia è ricchissima di luoghi storici e culturali veramente unici; in essa si contano un numero di siti Unesco superiore all’Egitto ma non è solo questo che rende questa terra eccezionale – ha detto Alberto Angela – Tutta l’Italia custodisce un patrimonio inestimabile ma qui si respirano profumi e atmosfere unici; scoprire i mosaici di Piazza Armerina è stato un momento eccezionale“.

Alla cerimonia ufficiale hanno preso parte, tra gli altri, Girolamo Cusimano, presidente della Scuola delle Scienze umane e del Patrimonio culturale, Michele Cometa, direttore del Dipartimento Culture e Società, Serena Marcenò, docente di Filosofia Politica e, Fabrizio Micari, Rettore dell’Università degli Studi di Palermo che ha consegnato la pergamena e, come dono speciale, una riproduzione artistica dello Steri, palazzo simbolo della storia e della rinascita di Palermo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.