Palermo, lavori in piazza Caracciolo, si accende la polemica: "Chi dice che erano già programmati?" :ilSicilia.it
Palermo

la risposta delle associazioni all'amministrazione

Palermo, lavori in piazza Caracciolo, si accende la polemica: “Chi dice che erano già programmati?”

di
11 Maggio 2018

 

PALERMO – Più volte ilSicilia.it, ha raccontato dei disagi vissuti dai commercianti e residenti di piazza Caracciolo, attraverso le numerose segnalazioni arrivate dalle associazioni che operano nel territorio, e in particolare quella dei comitati civici Palermo.

buca vucciriaDopo tante battaglie e scambi di lettere “infuocate” con la responsabile delle Municipalizzate, Amap, l’assessore Emilio Arcuri, il comando della polizia municipale, con il sindaco Leoluca Orlando, e con tutte le figure interessate, ieri, finalmente, sono partiti i lavori per il rifacimento della rete fognaria di piazza Caracciolo alla Vucciria.

vucciriaGrazie alla determinazione del presidente dell’associazione comitati civici Palermo Giovanni Moncada, di Marcello Robotti di Vivo Civile, di Gisella Taormina e Mauro Alessi di Nostra Donna del Rotolo e di Dario Saia del gruppi Pagliarelli, che non hanno dato tregua alle istituzioni per ridare dignità ai residenti ed ai commercianti di questo nostro storico mercato” si legge in un post pubblicato su Facebook nel gruppo dell’associazione – che conclude – “Un ringraziamento particolare al dottore Eugenio Cottone per la consulenza tecnico-giuridica fornita“.

Però durante un incontro che si è tenuto ieri proprio a piazza Caracciolo, tra l’Amministrazione e i cittadini, si è accesa la polemica, in quanto il presidente della Prima circoscrizione, Massimo Castiglia avrebbe affermato che i lavori che Amap sta eseguendo nella piazza dello storico Mercato erano “già inseriti nel programma di interventi da fare su alcuni scarichi e su alcune reti fognarie che hanno avuto dei cedimenti e che hanno coinvolto la pavimentazione sovrastante“.

Non è tardata ad arrivare la risposta delle associazioni che erano presenti all’incontro: “Non abbiamo ambizioni politiche, non abbiamo bacini elettorali da accontentare né referenti in Comune, ma disconoscere le lotte dei semplici cittadini è quantomeno poco corretto.

Abbiamo scritto diverse volte alle Istituzioni e NESSUNO ha mai parlato di lavori programmati, tantomeno la responsabile delle società partecipate, la dottoressa Mandalà, che ha fatto un chiaro riferimento a responsabilità e competenze di certi uffici del Comune.

La risposta vaga ci ha indotti a scrivere anche alla Comunità Europea. Chi dice che i lavori erano già programmati? Come mai la Responsabile del Controllo Analogo non lo sapeva? Se lo sapeva perché non ha rassicurato le associazioni che hanno chiesto il risanamento della zona?“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin