Palermo, lavori in viale Regione Siciliana fermi da mesi, Gelarda: "Da Orlando solo proclami" :ilSicilia.it
Banner Bibo

la vicenda a Striscia la notizia

Palermo, lavori in viale Regione Siciliana fermi da mesi, Gelarda: “Da Orlando solo proclami”

di
23 Aprile 2021

Non ci sono tempi certi sulla fine dei lavori in viale Regione Siciliana, altezza via Principe di Paternò, perché non sappiamo neanche quando inizieranno– dichiara Igor Gelarda, capogruppo della Lega a Palermo. – A distanza di 164 giorni dalla chiusura della strada, quasi sei mesi, i proclami dell’amministrazione Orlando su una riapertura a maggio di quel tratto di viale Regione Siciliana si sono rivelati solo baggianate. Esistono due cantieri all’interno della stessa area chiusa al traffico, e in uno di questi due non si sono mai visti operai-dichiara Igor Gelarda capogruppo della Lega a Palermo. Sotto la zona chiusa al traffico ci sono ben due canali sotterranei, che servono a convogliare le acque pluviali verso il mare, il Mortillaro e il Passo di Rigano, entrambi bisognosi di lavori urgenti”.

Del canale Mortillaro – prosegue Gelarda – se ne sta occupando il comune. Del secondo che ha un importo di spesa previsto di 500 mila euro, il problema è che non si è ancora capito a chi spetti la competenza dei lavori. Secondo il Comune di Palermo i lavori dovrebbe essere svolti dalla Regione, nello specifico dall’autorità di bacino. Secondo invece l’autorità di bacino, che a seguito di una mia richiesta ha messo tutto nero su bianco, spettano al comune- continua Igor Gelarda. Dopo avere compreso che questo rimpallo non sembra avere nessuna soluzione, e che il cantiere chissà ancora per quanti mesi resterà fermo, ci siamo rivolti a Stefania Petyx, che con Striscia la Notizia si è occupata ieri sera della vicenda. Delle quali le uniche vittime sono i cittadini palermitani bloccati, come sempre, nel traffico della città più trafficata d’Italia “

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin