Palermo, lavori in viale Regione Siciliana fermi da mesi, Gelarda: "Da Orlando solo proclami" :ilSicilia.it

la vicenda a Striscia la notizia

Palermo, lavori in viale Regione Siciliana fermi da mesi, Gelarda: “Da Orlando solo proclami”

di
23 Aprile 2021

Non ci sono tempi certi sulla fine dei lavori in viale Regione Siciliana, altezza via Principe di Paternò, perché non sappiamo neanche quando inizieranno– dichiara Igor Gelarda, capogruppo della Lega a Palermo. – A distanza di 164 giorni dalla chiusura della strada, quasi sei mesi, i proclami dell’amministrazione Orlando su una riapertura a maggio di quel tratto di viale Regione Siciliana si sono rivelati solo baggianate. Esistono due cantieri all’interno della stessa area chiusa al traffico, e in uno di questi due non si sono mai visti operai-dichiara Igor Gelarda capogruppo della Lega a Palermo. Sotto la zona chiusa al traffico ci sono ben due canali sotterranei, che servono a convogliare le acque pluviali verso il mare, il Mortillaro e il Passo di Rigano, entrambi bisognosi di lavori urgenti”.

Del canale Mortillaro – prosegue Gelarda – se ne sta occupando il comune. Del secondo che ha un importo di spesa previsto di 500 mila euro, il problema è che non si è ancora capito a chi spetti la competenza dei lavori. Secondo il Comune di Palermo i lavori dovrebbe essere svolti dalla Regione, nello specifico dall’autorità di bacino. Secondo invece l’autorità di bacino, che a seguito di una mia richiesta ha messo tutto nero su bianco, spettano al comune- continua Igor Gelarda. Dopo avere compreso che questo rimpallo non sembra avere nessuna soluzione, e che il cantiere chissà ancora per quanti mesi resterà fermo, ci siamo rivolti a Stefania Petyx, che con Striscia la Notizia si è occupata ieri sera della vicenda. Delle quali le uniche vittime sono i cittadini palermitani bloccati, come sempre, nel traffico della città più trafficata d’Italia “

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.