Palermo, le maglie di quartiere del Laboratorio Saccardi alle Cattive | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

performance del duo artistico

Palermo, le maglie di quartiere del Laboratorio Saccardi alle Cattive

di
9 Luglio 2019

Maglie di Quartiere e Pinocchio Rotante, mercoledì 10 luglio alle 20 alle Cattive

“Il carattere é un po’ il quartiere dell’anima, il Pinocchio é un po’ la provincia dell’anima, il quartiere é un po’ l’anima della provincia, insomma il vero carattere italiano, dispettoso un po’ punk”.

Performance artistica del Laboratorio Saccardi collettivo di Palermo, da sempre impegnato in un percorso di rinnovamento dell’arte popolare, fondato nel 2002, composto da Vincenzo Profeta e Marco Leone Barone. Foto per il web, Veronica Marchese.

Magliette rosa con le scritte nere, rigorosamente fatte a pennello, con gli inequivocabili “Zen”, “Libertà”, “Settecannoli”, “Cuba” e così via, indossate per l’occasione da un meltinpot di giovani. Il Laboratorio Saccardi a Le Cattive, vineria letteraria di Tasca d’Almerita a Palazzo Butera, presenta domani mercoledì 10 luglio alle 20 le t’shirt di quartiere: un progetto in co-produzione con la galleria e concept store “PUTIA art gallery” di Castelbuono, che le rende disponibili da oggi anche all’acquisto online (https://putia.eu/). “Una serie d’arte per veri palermitani, limitata a 100; anzi a 99 – spiega Marco Barone -perché una è messa di lato per il Ministro degli Interni.” “L’appartenenza è un valore da intendere in scala – dice Vincenzo Profeta, uno dei due componenti del collettivo – ed è inversamente proporzionale al livello di zoom. Dopo le t’shirt d’artista lanciate lo scorso anno, ecco debuttare infatti le t-shirt di quartiere. Perché indossare un generico “Palermo” sarebbe troppo poco: il legame sentimentale diventa forte se si scende ad un livello più intimo”.

 Il Laboratorio Saccardi, collettivo artistico di Palermo, da sempre impegnato in un percorso di rinnovamento dell’arte popolare, fondato nel 2002 è oggi composto da Vincenzo Profeta e Marco Leone Barone. Il loro lavoro va considerato come una nuova elaborazione in chiave moderna e ironica dell’arte popolare (cosi come evidenzia Luca Beatrice “dal loro lavoro sgorga vitalità, ferocia caustica, mai un luogo comune o uno scivolamento nel buonismo”).  L’evento sarà accompagnato dalla musica di Stefania Pia, progetto Studio 4.

Sulla Passeggiata de Le Cattive (ingresso libero), verrà esposto anche il progetto “Il Pinocchio Rotante”, opera scultorea, realizzata nel maggio 2019, costruita in legno di faggio, un omaggio al genio di Carlo Collodi e finanziata da Fecarotta antichità spazio 103. Rappresenta, la parte introspettiva del laboratorio Saccardi, l’arcitaliano con i suoi difetti e suoi pregi: “Il carattere é un po’ il quartiere dell’anima, il Pinocchio é un po’ la provincia dell’anima, il quartiere é un po’ l’anima della provincia, insomma il vero carattere italiano, dispettoso un pò punk”, conclude il collettivo.

Tra le opere pubbliche del collettivo si ricorda il monumento a Franco e Ciccio e la scultura sacra “Anima Mundi”, una madonna realizzata in fusione di centesimi di euro ed installata nella facciata della Chiesa di San Ranieri e dei Santi Quaranta Martiri Pisani del Borremans nel cuore del quartiere Capo alla Guilla di Palermo, PUTIA art gallery  Castelbuono.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.