Palermo, l'erede di Riina faceva il doposcuola ai bimbi nella chiesa del prete antimafia :ilSicilia.it
Palermo

Lo rivela Repubblica

Palermo, l’erede di Riina faceva il doposcuola ai bimbi nella chiesa del prete antimafia

10 Dicembre 2018

Paradossi siciliani: il boss Settimo Mineo, arrestato nell’ambito dell’operazione Cupola 2.0 con l’accusa di essere l’erede di Totò Riina e di guidare la nuova commissione provinciale di Cosa nostra, faceva il doposcuola ai bambini di Ballarò, nella parrocchia di un sacerdote antimafia, don Cosimo Scordato.

“Sembrava avesse davvero cambiato vita”, dice a ‘Repubblica’ il prete: “Fino a un anno e mezzo fa, faceva volontariato dal lunedì al venerdì, dalle 15.30 alle 17.30. Ogni domenica lo vedevo anche a messa, assieme alla moglie. La messa in cui io ribadisco: Signore liberaci da ogni male, da tutte le mafie” e che “andare a messa è incompatibile con l’appartenenza a Cosa nostra”, come ribadito da Papa Francesco lo scorso 15 settembre a Palermo.

Il padrino faceva dunque volontariato a Ballarò probabilmente allo scopo di provare ai servizi sociali cui era stato affidato, che aveva realmente cambiato vita. Uno dei tanti doppi volti della mafia e del boss-gioielliere di 80 anni, capomandamento di Pagliarelli.

 

Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Scuola, “prorogare il contratto degli insegnanti precari”

Giovanna D’Agostino è la presidente dell’Associazione “Insieme per il sostegno” di cui fanno parte centinaia di insegnanti precari. In questa intervista si fa portavoce del sentire degli insegnanti precari chiedendo al Governo Conte la proroga del contratto al 31 agosto per tutti i precari della scuola
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona