Palermo: l'ex Asi di Brancaccio si rifà il look, a giugno via ai lavori :ilSicilia.it
Palermo

strade e illuminazione

Palermo: l’ex Asi di Brancaccio si rifà il look, a giugno via ai lavori

di
21 Aprile 2020

Miglioramento dell’impianto di illuminazione e strade in via di sistemazione nella Zona industriale di Brancaccio, a Palermo.

A giugno, e comunque dopo il lockdown, partirà il cantiere di lavori dell’appalto aggiudicato alle aziende catanesi vincitrici della gara. A distanza di due mesi dal bando dell’IRSAP, (Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, 7 febbraio 2020), è stata aggiudicata la gara di appalto per i lavori di “miglioramento e adeguamento al codice della strada della viabilità interna dell’agglomerato industriale di Brancaccio e sistemazione dell’impianto di pubblica illuminazione” per un importo finanziato di oltre 2 milioni di euro con fondi del ‘Patto per lo sviluppo del Sud‘.

La gara si è svolta i primi di aprile in tempi brevissimi in forza del decreto Sblocca cantieri con una procedura veloce: la Commissione della sezione territoriale dell’Urega di Palermo – che ha esaminato i nominativi delle 210 imprese partecipanti – ha formulato la proposta di aggiudicazione nei confronti del concorrente primo in graduatoria, ovvero l’Associazione temporanea di imprese ACOGEN S.R.L. – T.I.R.E.S. S.R.L. con sede della capogruppo a Catania. Prossima tappa sarà la fase di verifica a cura del Rup e poi l’aggiudicazione definitiva ed entro 35 giorni si procede con la firma del contratto con la ditta vincitrice, presumibilmente entro il mese di giugno.

 edifici-asi-brancaccio-via-ferruzza
Edifici Asi Brancaccio, Via Ferruzza

Il progetto, a cura dell’Irsap, redatto dall’ingegnere Salvatore Callari e dal geometra Giuseppe Cicero, prevede il miglioramento complessivo dell’area con la sistemazione della pavimentazione stradale, l’installazione e la sistemazione della segnaletica stradale orizzontale e verticale, la sistemazione delle caditoie, la manutenzione dell’impianto di pubblica illuminazione, la sostituzione delle armature stradali con lampade a Led e la potatura degli alberi.

Le strade interessate dagli interventi sono: via Enrico Ferruzza, via Filippo Pecoraino e suo prolungamento, via Enrico Mattei, via Salvatore Corleone (dal ponte di via Giafar all’incrocio con la via Zaban), via Michele Utveggio, via Ingham, via Giovan Francesco Langer, via Vittorio Zaban, via Vittorio Ducrot e via Testasecca.

Le stesse strade trasferite al Comune di Palermo per effetto dell’emendamento contenuto nel collegato alla Finanziaria regionale 2018 che di fatto modifica l’articolo 19 della Legge regionale 12 gennaio 2012, n. 8 e prevede il trasferimento delle strade della zona industriale di Brancaccio (come delle altre siciliane) al Comune di Palermo in quanto già classificate ‘strade locali e strade comunali ai sensi del Codice della strada’.

L’agglomerato industriale di Brancaccio, divenuto ormai molto frequentato per la presenza di attività commerciali, attendeva una riqualificazione che potesse migliorare le strade e assicurare maggiore sicurezza grazie al miglioramento dell’impianto di illuminazione orientato al risparmio energetico – spiega il commissario ad acta Irsap Giovanni Perino – . Nell’agglomerato ricade anche il Centro direzionale dell’ex Asi di Brancaccio in via Ferruzza, che da gennaio 2019 è un bene patrimoniale nella disponibilità della Regione siciliana, ovvero da quando si è concluso il procedimento di acquisizione al patrimonio regionale (articolo 13 legge regionale 8 dell’8 maggio 2018)”.

“Auspichiamo fortemente – sottolinea Perino – la realizzazione dell’importante progetto di destinazione dell’area Asi di Brancaccio annunciato dall’Assessorato regionale Economia nel settembre 2018, e cioè è quella di ospitare il ‘Data Center regionale di Sicilia digitale‘, che oltre a consentire la riqualificazione del centro consentirebbe il ripopolamento della zona e metterebbe fine al degrado e al pericolo costante di furti e danneggiamenti più volte segnalati alla proprietà e agli inquirenti che hanno seriamente compromesso gli edifici e messo a rischio la struttura oltre che la sicurezza del personale in servizio”.

Dei 5 plessi del centro direzionale Asi Brancaccio, solo uno è assegnato in comodato d’uso all’Irsap per ospitare gli uffici della presidenza e quelli dell’ufficio periferico di Palermo dell’Irsap.

 

 

LEGGI ANCHE:

L’area industriale di Brancaccio nel degrado: Comune e Irsap fanno a scaricabarile

Svincoli di Brancaccio: il Comune di Palermo passa “la palla” al Suap

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.