Palermo, l'incontro delle arti nei luoghi sacri. Al via [In]Visibilia | FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Palermo

Dal 4 al 31 maggio

Palermo, l’incontro delle arti nei luoghi sacri. Al via [In]Visibilia | FOTOGALLERY

di
3 Maggio 2018

L’arte, universalmente riconosciuta quale espressione dello spirito al di fuori di ogni credo, non può che “sedurre” avendo la capacità di introdurre e veicolare l’essenza delle cose invisibili.

Si basa su questo assunto il progetto “[In]Visibilia, parole, immagini e suoni del sacro” ovvero l’arte nata per la preghiera, manifestazione che, ad un anno dall’apertura del Monastero di Santa Caterina, si pone l’obiettivo di riscoprire il significato delle tante bellezze d’arte contenute nei monumenti religiosi presenti a Palermo.

Dal 4 al 31 maggio (dal venerdì alla domenica) sarà possibile scoprire nelle chiese i cicli di affreschi, le pale d’altare, gli elementi decorativi e le statue, pagine teologiche che, se lette, rivelano cultura non solo religiosa.

Questa lettura, come ha sottolineato Monsignor Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo, si realizzerà “attraverso la parola che è logos e che porta al diaologo, nella realizzazione di una via pulchritudinis“.

Nei luoghi scelti, la chiesa della Santissima Concezione del Capo, SS. Salvatore, Casa Professa, Santa Caterina, Oratorio di Santa Cita, Oratorio di Santa Caterina d’Alessandria, Oratorio di San Domenico e Oratorio di San Lorenzo, diverse le attività in programma.

Per la sezione Preghiera e musica, tre gli incontri curati dal Seminario arcivescovile; per Parole e musica, tre serate approfondiranno la spiritualità dei tre ordini monastici Domenicani, Gesuiti e Carmelitani scalzi, con letture di testi sacri e musiche da vivo che coinvolgeranno gli attori del Teatro Biondo e i musicisti del Conservatorio Bellini.

E ancora una serie di concerti permetterà di seguire la malìa di cantate e composizioni scritte per essere eseguite negli spazi barocchi, focus di questa edizione, con l’intervento tra gli altri artisti (6 maggio, ore 21) della Musica Luminosa di Curva Minore.

Per il teatro, infine, in collaborazione con il Dipartimento delle arti, della musica e dello spettacolo dell’Università degli Studi di Palermo, verrano proposti lavori che, partendo dall’antico e dalle emergenze attuali, indagano la spiritualità contemporanea.

Tra gli altri interverranno la compagnia Sutta Scupa, la compagnia Civilleri- Lo Sicco e la Compagnai teatrale di Claudio Collovà con “Angeli in biblioteca” (Oratorio di San Domenico, sabato 26, ore 21).

A settembre, infine, si inaugureranno una grande mostra su “Santa Rosalia e la peste“, per la quale sono in atto le trattative per portare in città tele di van Dyck attualmente esposte a Londra e New York, e un’altra importante esposizione degli Ori e argenti presenti nei monasteri palermitani. L’Oratorio Quaroni, inoltre, verrà presto allestito come front office dell’Arcidiocesi e spazio espositivo.

[In]Visibilia è organizzato dall’Ufficio Beni Culturali dall’Arcidiocesi di Palermo, in collaborazione con l’Università degli studi di Palermo, l’Accademia delle belle arti, il Conservatorio Vincenzo Bellini, il Teatro Biondo, il Seminario arcivescovile San Mamiliano, l’orchestra e il coro infantile Quattrocanti.

La manifestazione fa parte di Palermo capitale della cultura 2018; il dettaglio di tutti gli appuntamenti sul sito dell’Arcidiocesi. L’ingresso è libero.

GUARDA LA FOTOGALLERY IN ALTO.
© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.