Palermo. L'inviato di "Striscia la Notizia", Vittorio Brumotti aggredito allo Zen :ilSicilia.it
Palermo

Intorno alle 16 sono stati esplosi pure dei colpi di pistola

Palermo. L’inviato di “Striscia la Notizia”, Vittorio Brumotti aggredito allo Zen

di
25 Febbraio 2018

Vittorio Brumotti, l’inviato di Striscia la Notizia, è stato aggredito in pieno giorno con la sua troupe allo Zen. Ne dà notizia, con un comunicato,  proprio il tg satirico di Canale 5.  Intorno alle 16, i cronisti si trovavano nel periferico quartiere nord di Palermo per fare un reportage sullo spaccio di droga – l’ultimo della serie di servizi sul tema che la redazione ha svolto in diverse città italiane – quando un nutrito gruppo di residenti li ha affrontati.

Brumotti aggressione zen 2Dapprima la troupe è stata minacciata verbalmente, subito dopo si è passato dalle parole ai fatti: alle minacce di morte si è aggiunto un fitto lancio di pietre ad indirizzo dei giornalisti. Gli operatori hanno tentato di trovare riparo dentro la loro auto blindata ma questo non ha impedito a qualcuno di lanciare, presumibilmente da un piano alto, un  pesante blocco di cemento che ha sfondato il tetto della vettura.

Dopodiché sono stati esplosi alcuni colpi di pistola, pare una calibro 12, che hanno forato la portiera della macchina. I bossoli rinvenuti per terra sono adesso sotto l’esame della polizia che, insieme ai carabinieri,  è riuscita a mettere in salvo Brumotti e i suoi collaboratori. Sembrerebbe che nessuno abbia riportato ferite, il servizio che testimonierà il pomeriggio da far west allo Zen, andrà in onda prossimamente su Striscia la notizia.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.