5 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.27
Palermo

in via XXVII Maggio

Palermo: lo Sperone avrà un’area verde, al via la demolizione di una struttura abbandonata | VIDEO

19 Febbraio 2019

Partono oggi, martedì 19 febbraio, i lavori per la demolizione di una vecchia struttura abbandonata di un asilo che si trova in via XXVII Maggio, nel quartiere Sperone a Palermo. Da anni ormai era diventata sede di spaccio e degrado a due passi dalla scuola Randazzo.

Le opere di abbattimento, saranno effettuate dal Coime, così come la riqualificazione del sito, dove sorgerà uno spazio polifunzionale, pista di pattinaggio, area a verde attrezzata, ed altri spazi ludico-ricreativi.

La demolizione di questo manufatto vandalizzato e punto di degrado – afferma il sindaco Leoluca Orlando è la conferma del cammino di questa città. Ogni quartiere ha la sua dignità e merita di essere vivibile“.

Questa struttura era divenuta da tempo meta di gente poco raccomandabile, dopo che diversi anni orsono erano iniziati i lavori di ristrutturazione poi interrotti per il fallimento della ditta esecutrice dei lavori – afferma il capogruppo del Mov139 Sandro Terrani che aggiunge – questa azione è la dimostrazione che l’Amministrazione pone la giusta attenzione anche verso quelle parti della città che prima erano considerate periferie“.

Guarda il video della demolizione in basso

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.