Palermo, "Lotta studentesca" ricorda il martirio nascosto delle foibe :ilSicilia.it

Palermo, “Lotta studentesca” ricorda il martirio nascosto delle foibe

di
10 Febbraio 2020

Con l’istituzione del Giorno del ricordo, avvenuta nel 2004, la programmazione delle attività del Miur istituite dall’anno scolastico 2009/2010, sembra che ancora, nel 2020 non ci siano stati grossi cambiamenti nei programmi scolastiche e negli aggiornamenti dei libri di storia tanto che si sono svolte delle manifestazioni studentesche in protesta di questi non aggiornamenti.

 “Rendiamo onore oggi, con questo presidio al liceo classico Garibaldi, a tutti quegli italiani di Istria fiume e Dalmazia, massacrati e gettati all’interno delle cavità carsiche, oppure costretti all’esilio, per via della terribile pulizia etnica voluta dal criminale Tito, che servendosi dei suoi boia, e con la complicità dei partigiani italiani, ha scritto una pagina tra le più drammatiche della storia d’Italia“, si legge nella nota stampa di Lotta Studentesca, il movimento giovanile di Forza Nuova.

Per l’onore d’Italia e degli italiani morti a causa del loro sangue, conduciamo la nostra lotta. – continuano gli studenti – Ed a tutti quei patrioti che hanno amato profondamente la loro Patria, e per questo sono stati trucidati, giunga, oggi, il nostro gridò di battaglia!

La Repubblica riconosce, nell’articolo 1 della legge 92 del 30 marzo 2004, che ” è favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende. Tali iniziative sono, inoltre, volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell’Istria, di Fiume e delle coste dalmate, in particolare ponendo in rilievo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio “, purtroppo diversi libri di storia, dopo oltre settanta anni, non sono stati adeguatamente aggiornati.

Il Miur, inoltre, ogni anno bandisce il concorso nazionale “10 febbraio”, rivolto a tutte le istituzioni scolastiche,  volto a “promuovere l’educazione europea e la cittadinanza attiva e a sollecitare l’approfondimento della storia italiana attraverso una migliore conoscenza dei rapporti storici, geografici e culturali nell’area dell’Adriatico orientale” e  proprio per i docenti, organizza un seminario nazionale sulle tematiche sovra citate.

Ma perché nel 2020 c’è ancora questa situazione?  Perché alcuni docenti non approfondiscono l’argomento?

Inoltre, alcuni docenti di lettere si rifiutano di parlare di questa storia, o perché anche loro non sono state ben informati o perché la negano, in ogni modo, questa storia va insegnata.

Creare memoria storica e sensibilizzare i giovani sugli eventi del confine orientale italiano è importante per creare l’identità, perché la storia “siamo noi”, partendo dalle esperienze familiari, attraverso il racconto delle innumerevoli sofferenze individuali, delle vicende personali e delle memorie che racchiudiamo in noi e insegnarla senza pregiudizi stimola la riflessione e offrire le conoscenze appropriate per promuovere una cultura di pace fondata sul dialogo e il confronto sulle diverse narrazioni storiche e sul rispetto delle memorie.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.