26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28
Palermo

Sarebbero state disattese le prescrizioni sanitarie

Palermo, l’Ugl denuncia violazioni al comando della polizia municipale

5 Aprile 2019

Continua il malcontento dei sindacati di categoria al comando dei vigili urbani di Palermo, a seguito di  presunte violazioni e vessazioni nei confronti dei lavoratori.

Ernesto Lo Verso, segretario regionale per la Sicilia dell’Ugl Fna, denuncia quella che definisce come “l’ennesima violazione perpetrata nei confronti di un agente in forza al corpo di polizia municipale del capoluogo“. Nei giorni scorsi, al comando di via Dogali l’agente in questione si sarebbe imbattuto in un vicecomandante, il quale – recita una nota del sindacato – avrebbe fatto presente al lavoratore di avere palesemente disatteso prescrizioni e limitazioni al servizio del medico competente a seguito di accertamenti ai sensi dell’articolo 41 del d.lgs 81/08.

“In realtà si apprende – spiega Lo Verso  che il comandante Gabriele Marchese, nella qualità di datore di lavoro, avesse già opportunamente esortato il suo vice all’osservanza del giudizio sanitario disposto in favore del dipendente, ma nonostante ciò si è verificato esattamente l’opposto, per cui il casco bianco si è ritrovato a svolgere attività di viabilità appiedata e poco dopo, a seguito di un malore fisico, è finito in pronto soccorso”.

“La nostra organizzazione – denuncia ancora il sindacalista – vuol ricordare a chi è inosservante della legge che è quanto recita l’art. 32 della nostra Costituzione, inoltre la previsione costituzionale è rafforzata dallo strumento legislativo del T.U. 81/08 che mira a salvaguardare gli essenziali livelli di tutela della salute e della sicurezza sul posto di lavoro”.

“Previsioni tanto conclamate quanto disattese – conclude Lo Verso – questo è quanto perpetrato dal vicecomandante della polizia municipale di Palermo, a cui preannunciamo che metteremo in campo tutte le azioni necessarie per contrastare qualsiasi forma di violazione delle norme che tutelano la sicurezza e la salute dei lavoratori”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.