Palermo, l'Ugl denuncia le violazioni del comando dei vigili urbani :ilSicilia.it
Palermo

Sarebbero state disattese le prescrizioni sanitarie

Palermo, l’Ugl denuncia violazioni al comando della polizia municipale

di
5 Aprile 2019

Continua il malcontento dei sindacati di categoria al comando dei vigili urbani di Palermo, a seguito di  presunte violazioni e vessazioni nei confronti dei lavoratori.

Ernesto Lo Verso, segretario regionale per la Sicilia dell’Ugl Fna, denuncia quella che definisce come “l’ennesima violazione perpetrata nei confronti di un agente in forza al corpo di polizia municipale del capoluogo“. Nei giorni scorsi, al comando di via Dogali l’agente in questione si sarebbe imbattuto in un vicecomandante, il quale – recita una nota del sindacato – avrebbe fatto presente al lavoratore di avere palesemente disatteso prescrizioni e limitazioni al servizio del medico competente a seguito di accertamenti ai sensi dell’articolo 41 del d.lgs 81/08.

“In realtà si apprende – spiega Lo Verso  che il comandante Gabriele Marchese, nella qualità di datore di lavoro, avesse già opportunamente esortato il suo vice all’osservanza del giudizio sanitario disposto in favore del dipendente, ma nonostante ciò si è verificato esattamente l’opposto, per cui il casco bianco si è ritrovato a svolgere attività di viabilità appiedata e poco dopo, a seguito di un malore fisico, è finito in pronto soccorso”.

“La nostra organizzazione – denuncia ancora il sindacalista – vuol ricordare a chi è inosservante della legge che è quanto recita l’art. 32 della nostra Costituzione, inoltre la previsione costituzionale è rafforzata dallo strumento legislativo del T.U. 81/08 che mira a salvaguardare gli essenziali livelli di tutela della salute e della sicurezza sul posto di lavoro”.

“Previsioni tanto conclamate quanto disattese – conclude Lo Verso – questo è quanto perpetrato dal vicecomandante della polizia municipale di Palermo, a cui preannunciamo che metteremo in campo tutte le azioni necessarie per contrastare qualsiasi forma di violazione delle norme che tutelano la sicurezza e la salute dei lavoratori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti