Palermo, madre e figlia uccise da un'auto: prima lo schianto, poi la fuga :ilSicilia.it
Palermo

in via fichidindia

Palermo, madre e figlia uccise da un’auto: prima lo schianto, poi la fuga

12 Maggio 2018

Incidente mortale, la notte scorsa, in via Fichidindia, nel quartiere di Brancaccio, a Palermo. Due donne sono state travolte da un’auto che si è data alla fuga. Le vittime sono Annamaria La Mantia, pensionata di 62 anni, e la figlia  Angela Merenda, di 43 anni, che stavano attraversando la strada, quando sono state investite. Entrambe erano residenti in via San Ciro. Le donne erano senza documenti al momento dell’incidente. In ospedale sono state identificate e raggiunte dai parenti. Le salme si trovano presso la camera mortuaria dell’ospedale Civico.

Dopo l’impatto, i carabinieri, che si trovavano nella zona sono, immediatamente intervenuti. I militari hanno chiamato i soccorsi e avviato le ricerche dell’auto pirata, una Fiat Punto. I soccorritori del 118 non hanno potuto far nulla per l’anziana donna mentre la figlia è stata trasportata all’ospedale Civico ma è morta poche ore dopo il suo arrivo per le gravi lesioni riportate. L’auto è stata rintracciata in nottata dai carabinieri ed è adesso sotto custodia giudiziaria. Il proprietario della “Punto” celeste risulta essere Emanuele Pelli, 34 anni, e ora si trova nella caserma dei carabinieri del Radiomobile per essere interrogato. Nel frattempo sull’auto sono in corso i rilievi della Scientifica per trovare tracce utili e risalire al guidatore.

Il numero delle vittime poteva essere più alto. Diverse persone, infatti, sono riuscite ad evitare di essere investite dall’auto che procedeva a forte velocità. “È stato davvero terribile”, dice Giovanni Orlando, pastore della Chiesa Evangelica Cristina “Dio con Noi”, in via Fichidindia a poca distanza dal luogo dell’incidente.

Un gruppo di persone stava attraversando la strada – racconta – mentre io ero dentro che stavo sistemando la chiesa dopo lo studio biblico fatto insieme ai fratelli e alle sorelle. Sono stato chiamato d’urgenza. La scena che si è presentata è stata straziante. L’impatto è stato in un punto, i corpi delle donne erano a quindici metri. Annamaria La Mantia era invalida e camminava con il bastone. La figlia la sorreggeva. Per questo sono state colpite. L’auto le ha prese in pieno. La nostra comunità ha perso due donne eccezionali che amavano Dio e la loro famiglia. Due donne sempre sorridenti che aiutavano tutti. Un vero dramma“.

 

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.