Palermo, madre e figlia uccise da un'auto: prima lo schianto, poi la fuga :ilSicilia.it
Palermo

in via fichidindia

Palermo, madre e figlia uccise da un’auto: prima lo schianto, poi la fuga

di
12 Maggio 2018

Incidente mortale, la notte scorsa, in via Fichidindia, nel quartiere di Brancaccio, a Palermo. Due donne sono state travolte da un’auto che si è data alla fuga. Le vittime sono Annamaria La Mantia, pensionata di 62 anni, e la figlia  Angela Merenda, di 43 anni, che stavano attraversando la strada, quando sono state investite. Entrambe erano residenti in via San Ciro. Le donne erano senza documenti al momento dell’incidente. In ospedale sono state identificate e raggiunte dai parenti. Le salme si trovano presso la camera mortuaria dell’ospedale Civico.

Dopo l’impatto, i carabinieri, che si trovavano nella zona sono, immediatamente intervenuti. I militari hanno chiamato i soccorsi e avviato le ricerche dell’auto pirata, una Fiat Punto. I soccorritori del 118 non hanno potuto far nulla per l’anziana donna mentre la figlia è stata trasportata all’ospedale Civico ma è morta poche ore dopo il suo arrivo per le gravi lesioni riportate. L’auto è stata rintracciata in nottata dai carabinieri ed è adesso sotto custodia giudiziaria. Il proprietario della “Punto” celeste risulta essere Emanuele Pelli, 34 anni, e ora si trova nella caserma dei carabinieri del Radiomobile per essere interrogato. Nel frattempo sull’auto sono in corso i rilievi della Scientifica per trovare tracce utili e risalire al guidatore.

Il numero delle vittime poteva essere più alto. Diverse persone, infatti, sono riuscite ad evitare di essere investite dall’auto che procedeva a forte velocità. “È stato davvero terribile”, dice Giovanni Orlando, pastore della Chiesa Evangelica Cristina “Dio con Noi”, in via Fichidindia a poca distanza dal luogo dell’incidente.

Un gruppo di persone stava attraversando la strada – racconta – mentre io ero dentro che stavo sistemando la chiesa dopo lo studio biblico fatto insieme ai fratelli e alle sorelle. Sono stato chiamato d’urgenza. La scena che si è presentata è stata straziante. L’impatto è stato in un punto, i corpi delle donne erano a quindici metri. Annamaria La Mantia era invalida e camminava con il bastone. La figlia la sorreggeva. Per questo sono state colpite. L’auto le ha prese in pieno. La nostra comunità ha perso due donne eccezionali che amavano Dio e la loro famiglia. Due donne sempre sorridenti che aiutavano tutti. Un vero dramma“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.