Palermo: manca l'agibilità, al PalaOreto si gioca a porte chiuse :ilSicilia.it
Palermo

LE PAROLE DI GIORGIO LO CANTO, PRESIDENTE DI PALERMO AL VERTICE

Palermo: manca l’agibilità, al PalaOreto si gioca a porte chiuse

di
10 Dicembre 2019

Al PalaOreto si gioca a porte chiuse.

Ad una prima occhiata potrebbe sembrare la classica storia di abbandono di impianti sportivi siciliani. Invece, il palazzetto in questione è pronto all’uso e perfettamente in regola con le normative federali.

IL FATTO

A denunciare la situazione è il presidente di Palermo al Vertice, Giorgio Lo Canto. Dai sei settimane infatti, le formazioni che disputano le proprie partite all’interno dell’impianto cittadino sono costrette a giocare senza pubblico. Le ricadute sul botteghino sono evidenti, con annesse proteste degli sponsor, che si lamentano del calo di visibilità.

Giorgio Lo Canto
Giorgio Lo Canto

Tutto pronto, a detta dei tecnici, se non fosse che manca l’ok da parte della macchina burocratica del comune di Palermo. Un ritardo del via libera che sta causando grossi problemi alle società sportive coinvolte, fra le quali la Pharmap Saber Palermo, formazione di volley militante in Serie B di cui, Giorgio Lo Canto è appunto presidente.

Il motivo? A detta del leader di Palermo al Vertice, “manca l’agibilità, la quale necessita dell’autorizzazione della dirigente competente – commenta Lo Canto -. Da quest’ultima è stato nominato un ingegnere esterno che dovrebbe dare l’ok. I lavori sull’impianto sono già stati effettuati, grazie all’intervento dell’edilizia acrobatica, che ha sostituito i sensori dell’impianto antincendio siti a 25-30 metri d’altezza“.

Secondo le fonti dell’assessorato allo sport del Comune di Palermo, la situazione al PalaOreto dovrebbe sbloccarsi a breve. Secondo quanto affermano i responsabili degli uffici, manca solo l’individuazione del responsabile per la sicurezza. Il soggetto è stato già individuato, si attende soltanto la variazione di bilancio per finanziare il capitolo di spesa.

Tuttavia, il danno economico subito dalle società è evidente, soprattutto in termini di sponsorizzazioni.

Ho ricevuto una lettera dei rappresentanti legali dello sponsor nella quale affermano che, se la situazione continua, vorrà rivedere le condizioni del contratto o, addirittura, risolverlo. E’ un danno economico enorme per noi“, chiosa il presidente della Pharmap Palermo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.