Palermo: manca l'agibilità, al PalaOreto si gioca a porte chiuse :ilSicilia.it
Palermo

LE PAROLE DI GIORGIO LO CANTO, PRESIDENTE DI PALERMO AL VERTICE

Palermo: manca l’agibilità, al PalaOreto si gioca a porte chiuse

di
10 Dicembre 2019

Al PalaOreto si gioca a porte chiuse.

Ad una prima occhiata potrebbe sembrare la classica storia di abbandono di impianti sportivi siciliani. Invece, il palazzetto in questione è pronto all’uso e perfettamente in regola con le normative federali.

IL FATTO

A denunciare la situazione è il presidente di Palermo al Vertice, Giorgio Lo Canto. Dai sei settimane infatti, le formazioni che disputano le proprie partite all’interno dell’impianto cittadino sono costrette a giocare senza pubblico. Le ricadute sul botteghino sono evidenti, con annesse proteste degli sponsor, che si lamentano del calo di visibilità.

Giorgio Lo Canto
Giorgio Lo Canto

Tutto pronto, a detta dei tecnici, se non fosse che manca l’ok da parte della macchina burocratica del comune di Palermo. Un ritardo del via libera che sta causando grossi problemi alle società sportive coinvolte, fra le quali la Pharmap Saber Palermo, formazione di volley militante in Serie B di cui, Giorgio Lo Canto è appunto presidente.

Il motivo? A detta del leader di Palermo al Vertice, “manca l’agibilità, la quale necessita dell’autorizzazione della dirigente competente – commenta Lo Canto -. Da quest’ultima è stato nominato un ingegnere esterno che dovrebbe dare l’ok. I lavori sull’impianto sono già stati effettuati, grazie all’intervento dell’edilizia acrobatica, che ha sostituito i sensori dell’impianto antincendio siti a 25-30 metri d’altezza“.

Secondo le fonti dell’assessorato allo sport del Comune di Palermo, la situazione al PalaOreto dovrebbe sbloccarsi a breve. Secondo quanto affermano i responsabili degli uffici, manca solo l’individuazione del responsabile per la sicurezza. Il soggetto è stato già individuato, si attende soltanto la variazione di bilancio per finanziare il capitolo di spesa.

Tuttavia, il danno economico subito dalle società è evidente, soprattutto in termini di sponsorizzazioni.

Ho ricevuto una lettera dei rappresentanti legali dello sponsor nella quale affermano che, se la situazione continua, vorrà rivedere le condizioni del contratto o, addirittura, risolverlo. E’ un danno economico enorme per noi“, chiosa il presidente della Pharmap Palermo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti