Palermo, manifestazione Blutec: caos e blocchi stradali a Piazza Indipendenza :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

600 operai in cassa integrazione chiedono intervento Musumeci

Palermo, manifestazione Blutec: caos e blocchi stradali a Piazza Indipendenza

di
9 Marzo 2021

Sit-in e blocchi stradali davanti alla Presidenza della Regione Siciliana a Palermo, a manifestare sono gli operai Blutec di Termini Imerese.

Fim Fiom e Uilm hanno chiesto un incontro al governatore Nello Musumeci.

A giugno scadrà la cassa integrazione per i 600 lavoratori dello stabilimento di Termini Imerese e al momento non c’è una soluzione industriale per il rilancio della fabbrica. Da giorni i sindacati chiedono la convocazione al Mise e hanno deciso di spostare la protesta da Termini Imerese a Palermo.

Da mercoledì scorso inoltre i dipendenti Blutec erano in presidio permanente davanti ai cancelli della fabbrica, per “protestare contro l’inerzia del Governo”. Fra poco le delegazioni sindacali di Fim Fiom e Uil incontreranno i funzionari regionali.

Quattro operai della Blutec si sono incatenati davanti a Palazzo d’Orleans

sit in blutec a piazza indipendenzaLA NOTA DELLA CISL

“Sono stanchi esasperati, non è una condizione che può continuare questa, si deve porre una soluzione industriale che salvi il futuro di questo territorio e di questi lavoratori oltre che dell’indotto” spiega Antonio Nobile segretario generale Fim Cisl Palermo Trapani oggi al sit in in piazza Indipendenza.

“Nei giorni scorsi abbiamo reiterato la nostra richiesta di incontro al Ministro Giorgetti per riaprire il tavolo di crisi, ma ancora non abbiamo ricevuto risposta da qui la protesta di piazza di oggi”. Nobile aggiunge: “Domina solo il silenzio sui progetti energetici ambientali presentati per Termini nei mesi scorsi, su altre possibili ipotesi avanzate nei mesi scorsi ma mai palesate ufficialmente e intanto la cassa integrazione scadrà a giugno e lo spettro dell’arrivo delle lettere di licenziamento spaventa centinaia di famiglie termitane”. “Sembra assurdo – commenta il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana –  che in tutti questi anni, un polo industriale con personale altamente qualificato come quello di Termini, non abbia ottenuto un piano industriale solido e certo. Bisogna rendere attrattiva la zona con le infrastrutture adeguate, con le Zes che attendono di fatto l’attivazione. Si usino tutti gli strumenti possibili, bisogna salvare il futuro industriale di un territorio che paga gli effetti devastanti di anni di crisi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti