Palermo, mini auto elettriche al posto delle barelle all'Ospedale dei Bambini :ilSicilia.it
Palermo

già sperimentate in Francia

Palermo, mini auto elettriche al posto delle barelle all’Ospedale dei Bambini

di
7 Giugno 2018

In Francia è stato sperimentato con successo un paio di mesi fa, in Italia è arrivato da alcune settimane e a Palermo partirà oggi con la consegna delle prime auto elettriche. È il progetto Play Therapy, letteralmente terapia del gioco, ideato dall’associazione 4Children Onlus con l’obiettivo di ridurre l’impatto psicologico con la malattia, diminuire la paura, contenere l’ansia e lo stress dei piccoli pazienti sottoposti a intervento chirurgico in regime di routine.

Mini auto al posto delle barelle: un gioco, appunto, che contribuirà ad alleviare le sofferenze e a ridurre la tensione dei bambini che si trovano ospedalizzati nel settore chirurgico e che vivranno in maniera diversa la preparazione all’intervento. Il progetto sarà presentato oggi, alle 17, presso il Reparto di Chirurgia Pediatrica dell’Ospedale Di Cristina, Istituto Mediterraneo di Eccellenza Pediatrica, diretto da Gloria Pelizzo, alla presenza del commissario dell’Arnas Civico Giovanni Migliore e del direttore dell’Unità Operativa di Psicologia Clinica dell’Arnas Civico, Angela Di Pasquale.

Da tempo ormai è stata certificata l’influenza positiva sui piccoli pazienti di ludoteche, pet therapy, orti giardini e spazi colorati negli ospedali. Il gioco è un alleato importante nella cura dei bambini perché riduce il senso di angoscia e inquietudine. Quella delle mini auto, che saranno consegnate oggi al quarto piano dell’Ospedale dei Bambini, grazie al contributo e al sostegno di Tearose, Rocketbaby e Italmondo, è un’ulteriore iniziativa avviata dal Di Cristina proprio per ridurre lo stress e rendere ancora meno tortuosa la strada che devono affrontare i piccoli pazienti ospedalizzati. Il bambino affronterà infatti l’operazione arrivando in sala operatoria non in barella ma alla guida di una nuova e fiammante macchina elettrica. “L’intervento chirurgico – spiega Gloria Pelizzo – provoca nel bambino un’importante situazione di stress, disagio fisico e/o psichico che genera sensazioni di ansia, angoscia, paura, accompagnate dalle reazioni fisiologiche di difesa e stress dell’organismo. Tutte circostanze e situazioni che possono influire sui tempi anestesiologici e sull’esito dell’intervento chirurgico e la durata della degenza postoperatoria”.

Giovanni-Migliore1
Giovanni Migliore

“Le esperienze più difficili da sopportare per un bambino – dice il commissario dell’Arnas Civico Giovanni Migliorenon sono sempre e solo legate alla malattia in sé o al suo trattamento, ma incide anche l’isolamento, l’essere lontano da casa e dai genitori, trovarsi in un luogo poco familiare, affrontare eventi del tutto nuovi e dolorosi circondati da sconosciuti, sentire la paura causata da strani odori, suoni, strumenti mai visti prima. La terapia del gioco è la cura pedagogica e psicologica dei bambini e dei loro genitori durante l’intero periodo della loro permanenza in ospedale”.

Questa iniziativa costituisce una delle tappe del progetto di accompagnamento del bambino all’interno del percorso di cura chirurgica sostenuta dall’equipe del Reparto di Chirurgia Pediatrica. Il bambino verrà condotto con attività ludiche nelle varie fasi del periodo di ricovero dal team medico-infermieristico e dallo psicologo del reparto, Patrizia Nacci, grazie anche al contributo dell’Associazione AMICO, che si occuperà delle attività di divulgazione e sostegno dei processi di umanizzazione in ospedale per i bambini.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin