Palermo: monta la protesta a Ciaculli dopo l'arrivo dei rom :ilSicilia.it
Palermo

Dopo l'incendio di venerdì, residenti furiosi

Palermo: monta la protesta a Ciaculli dopo l’arrivo dei rom

di
7 Aprile 2019

Dopo l’incendio appiccato dai nomadi l’altro ieri, monta la protesta dei residenti della zona di Ciaculli, a Palermo. Una quarantina di persone si sono date appuntamento questa mattina nella borgata palermitana, dopo che venerdì scorso erano stati trasferiti, in una villa della zona confiscata alla mafia, 14 rom provenienti dal campo nomadi della Favorita che è stato smantellato.

Un tam tam nato sui social network sfociato stamane nell’assemblea organizzata da un gruppo di residenti che annunciano forme di lotta non solo per chiedere di allontanare i rom, ma per rilanciare la borgata.

“Possibile che si parli di Ciaculli prima per costruire un nuovo ospedale, poi per un nuovo cimitero e adesso pure per i rom – dice Salvo Cerrito, uno dei promotori dell’associazione Giardini della Fawara Noi siamo contrari, chiediamo un intervento al ministero dell’Interno e alla prefettura per sapere chi sia responsabile dei danni provocati da queste persone”. I residenti lamentano i primi disagi, a cominciare dal rogo a un cumulo di rifiuti appiccato dai nomadi il giorno stesso del loro trasferimento.

“Ieri – sottolinea Cerrito – c’erano dentro la villa venti auto con stereo a tutto volume, anche se l’immobile è senza acqua, luce e servizi igienici funzionanti. Manca delle condizioni minime per potere essere abitato. Il Comune non ci ha avvisato dell’arrivo dei rom, non si è confrontato con i residenti. Noi qui non li vogliamo“.

 

LEGGI ANCHE:

Nomadi appiccano fuoco ai rifiuti a Palermo, proteste dei residenti: “Non li vogliamo”

Dismissione del campo nomadi, i Rom trasferiti in hotel. Orlando: “Si sono dimostrati palermitani” | VIDEO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.