Palermo: monta la protesta a Ciaculli dopo l'arrivo dei rom :ilSicilia.it
Palermo

Dopo l'incendio di venerdì, residenti furiosi

Palermo: monta la protesta a Ciaculli dopo l’arrivo dei rom

di
7 Aprile 2019

Dopo l’incendio appiccato dai nomadi l’altro ieri, monta la protesta dei residenti della zona di Ciaculli, a Palermo. Una quarantina di persone si sono date appuntamento questa mattina nella borgata palermitana, dopo che venerdì scorso erano stati trasferiti, in una villa della zona confiscata alla mafia, 14 rom provenienti dal campo nomadi della Favorita che è stato smantellato.

Un tam tam nato sui social network sfociato stamane nell’assemblea organizzata da un gruppo di residenti che annunciano forme di lotta non solo per chiedere di allontanare i rom, ma per rilanciare la borgata.

“Possibile che si parli di Ciaculli prima per costruire un nuovo ospedale, poi per un nuovo cimitero e adesso pure per i rom – dice Salvo Cerrito, uno dei promotori dell’associazione Giardini della Fawara Noi siamo contrari, chiediamo un intervento al ministero dell’Interno e alla prefettura per sapere chi sia responsabile dei danni provocati da queste persone”. I residenti lamentano i primi disagi, a cominciare dal rogo a un cumulo di rifiuti appiccato dai nomadi il giorno stesso del loro trasferimento.

“Ieri – sottolinea Cerrito – c’erano dentro la villa venti auto con stereo a tutto volume, anche se l’immobile è senza acqua, luce e servizi igienici funzionanti. Manca delle condizioni minime per potere essere abitato. Il Comune non ci ha avvisato dell’arrivo dei rom, non si è confrontato con i residenti. Noi qui non li vogliamo“.

 

LEGGI ANCHE:

Nomadi appiccano fuoco ai rifiuti a Palermo, proteste dei residenti: “Non li vogliamo”

Dismissione del campo nomadi, i Rom trasferiti in hotel. Orlando: “Si sono dimostrati palermitani” | VIDEO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin