Palermo, mostra di Francesco Messina al Museo Salinas. Samonà: "Il grande Maestro torna nella sua Sicilia" :ilSicilia.it
Palermo

l'evento

Palermo, mostra di Francesco Messina al Museo Salinas. Samonà: “Il grande Maestro torna nella sua Sicilia”

di
15 Novembre 2021

Domani, 16 novembre alle ore 11.00 al Museo archeologico regionale Antonio Salinas di Palermo vernissage della mostra “Francesco Messina, greco di Sicilia”, a cura di Andrea Giuseppe Cerra, Maria Fratelli e Caterina Greco.

“Greco di Sicilia” è il modo in cui si è sempre proclamato con orgoglio il grande Maestro siciliano originario di Linguaglossa (CT), che ci ha lasciato il suo sguardo sul mondo attraverso preziose sculture che esaltano la plasticità del movimento ed esprimono ancora oggi l’attualità di una bellezza che è un inno al creato nelle sue forme.

La mostra sarà inaugurata dall’Assessore regionale dei Beni Culturali e all’Identità siciliana Alberto Samonà che, insieme alla Direttrice del Museo A. Salinas, Caterina Greco, ha voluto riportare in Sicilia le opere del grande Maestro, recuperandone tutta la modernità in un dialogo tra antichità e contemporaneità. Al vernissage sarà presente la Direttrice dello “Studio Museo Francesco Messina”, Maria Fratelli, che ha condiviso l’idea progettuale, l’esperto del Sindaco di Linguaglossa in materia di politiche culturali, Andrea Giuseppe Cerra, che è anche testimone del contributo del paese natale dello scultore nella cura della memoria dell’Artista.

La Mostra ci presenta diciotto opere che appartengono alla collezione permanente dello Studio Museo Francesco Messina di Milano e che sono state scelte per la loro capacità di raccontare, in maniera esemplificativa, i temi su cui l’artista si è incessantemente esercitato nel corso della sua lunga vita: il corpo, l’ideale classico, il frammento, il movimento e la vitalità nelle ballerine e nei cavalli in corsa.

I bronzi di Francesco Messina si relazionano con le opere della collezione permanente del Museo archeologico siciliano che li ospita dando vita a uno speciale dialogo che, da una parte saggia la tenuta dell’ispirazione all’antico da parte dello scultore al cospetto degli originali greci e romani, dall’altra documenta l’adesione tra contenuto e forma nel ‘900, nel rapporto con l’inscalfibile validità dell’arte antica.

Il ritorno nell’Isola, all’interno di uno dei più prestigiosi musei siciliani e nazionali, rende onore all’arte di un Maestro del Novecento – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – e realizza un fortunato e pregevole connubio tra antico e contemporaneo smentendo, alla prova dell’arte, il presagio che gli faceva dire ‘Il pensiero che più mi sgomenta è la quasi certezza che uomini come me saranno presto considerati fossili preistorici. Perché l’arte figurativa è già lettera morta per le nuove generazioni’. Ancora una volta, invece, elementi di tempi diversi fra loro dialogano, ricucendo quello strappo, quella cesura che, anche antropologicamente, ha generato quasi un’interruzione nella comunicazione tra passato e presente“.

Francesco Messina conferma la sua attualità in questa mostra – dice Caterina Greco, direttrice del Museo Salinas – recuperando la continuità del dialogo artistico tra passato e presente. E se, come profetizzava Francesco Messina, ‘solo i musei potranno testimoniare, nella più fortunata ipotesi, la nostra sopravvivenza’ questa mostra attualizza il suo pensiero e lo rende un testimone di tutti i tempi“.

Le collezioni del Salinas, le sue prestigiose sale, l’operosità di un museo di rilevanza internazionale valorizzano le opere di Messina, greco di Sicilia, portando il confronto in un’altra direzione temporale, ma con lo stesso approccio critico che vede le opere del maestro affiancate a Milano, di volta in volta, con le più recenti espressioni della scultura contemporanea. La mostra di Palermo è, quindi, – spiega Maria Fratelli, direttrice del Museo Francesco Messina di Milano – occasione preziosa di collaborazione tra Musei e confronto tra opere e tensioni ideali“.

Nonostante sia stato uno dei maggiori esponenti della scultura figurativa del Novecento, del linguaglossese aveva la faccia, la cadenza dialettale, le mani grosse e dure e si definiva, al pari di Salvatore Quasimodo, “Greco di Sicilia”. La mostra al Museo Salinas – aggiunge Andrea Cerra – attraverso un dialogo pieno di contemporaneità rende omaggio a un grande siciliano che ha saputo vivere pienamente da artista, non temendo mai il mito dell’attualità e mirando all’eternità della bellezza. Dopo avergli dedicato un museo, il comune di Linguaglossa partecipa al ritorno di Francesco Messina in Sicilia attraverso questa mostra, risarcendolo così del riconoscimento che avrebbe desiderato in vita“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.