Palermo: muore con il suo scooter a 18 anni, folla a Bonagia per il funerale di Giuseppe | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

SCATTANO LE PRIME DENUNCE

Palermo: muore con il suo scooter a 18 anni, folla a Bonagia per il funerale di Giuseppe | VIDEO

23 Maggio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il quartiere di Bonagia ha regalato il suo ultimo saluto a Giuseppe Giannalia, diciottenne morto mercoledì scorso all’ospedale Policlinico di Palermo.

Il giovane era rimasto coinvolto insieme ad un amico, A.A. di 17 anni, in uno scontro fra tre scooter in via Placido Rizzotto. Nell’impatto era rimasto gravemente ferito anche un ventottenne, ricoverato con fratture multiple e a cui è stata data una prognosi di oltre 40 giorni.

Amici e parenti hanno deciso così di celebrare oggi la funzione religiosa, a cui è accorsa l’intera borgata e non solo.

Per un breve momento, così, Bonagia ha dimenticato completamente le norme anti assembramento.

In memoria del ragazzo è stato dipinto un murales che lo ritrae a bordo del suo amato motorino. “Se un giorno la velocità dovesse uccidermi non piangete..perché in quel momento stavo sorridendo“. Questa la dedica di LukeArt, affiancata al dipinto di Giuseppe in sella ad una moto.

Una passione, quella per i mezzi a due ruote, che ha contraddistinto la vita del diciottenne, fino ai suoi ultimi istanti di vita.

Aggiornamento – Intervento delle forze dell’ordine, partono le prime denunce

Gli agenti hanno documentato gli eventi senza tuttavia intervenire sul momento. L’obiettivo era quello di non provocare ulteriori influenze sulle condizioni complessive dell’ordine pubblico.

Al contempo hanno proceduto all’identificazione del promotore delle irregolarità riscontrate nell’immediatezza, al quale sono stati contestati i reati di promozione di riunioni pubbliche non autorizzate ai sensi del TULPS (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza), di accensioni pericolose, nonché l’aver creato una potenziale condizione di pericolo per la sanità pubblica, in ordine alle misure connesse all’attuale emergenza pandemica.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.