Palermo: muratore cade dal balcone e muore :ilSicilia.it
Palermo

Nuovo caso di morti bianche

Palermo: muratore cade dal balcone e muore

di
2 Maggio 2019

Nuovo caso di morti bianche nel Palermitano: un muratore di 62 anni, Salvatore Cammarata, è morto cadendo da un balcone mentre lavorava alla ristrutturazione di un edificio di largo Garibaldi, a Petralia Soprana (Pa).

Cammarata aveva una piccola ditta che gestiva assieme al fratello. L’operaio è caduto da un’altezza di dieci metri battendo il capo. L’uomo, forse per un malore, è caduto ed è morto sul colpo. I sanitari del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Le indagini sono condotte dai carabinieri che dovranno verificare se in cantiere siano state rispettate le norme di sicurezza.

LE REAZIONI:

I SINDACATI. La Cgil Palermo e la Fillea Cgil Palermo intervengono dopo l’ennesimo incidente mortale sul lavoro: “Per noi l’esigenza di una maggiore sicurezza vale sia per le grandi imprese che per chi opera nelle piccole ditte. Anzi – dichiarano il segretario generale Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo e il segretario Cgil Palermo Calogero Guzzetta vale soprattutto per le  piccole imprese artigiane dove,  per abbattere i costi della crisi, si risparmia proprio su questo aspetto. Per far fronte alla concorrenza sleale, i piccoli artigiani  rinunciano alla prevenzione e alla sicurezza noncuranti dei pericoli nascosti dietro l’angolo. 

Piero Ceraulo - Fillea Cgil
Piero Ceraulo – Fillea Cgil

Uno degli infortuni più diffusi è proprio la caduta dall’alto. Anche per le imprese artigiane esiste un’ente bilaterale, Edilcassa Sicilia che, attraverso Confartigianato, organizza i corsi di formazione per la sicurezza dove ai lavoratori si spiega che in alcune fasi lavorative vanno adottate delle misure di sicurezza piuttosto che altre. Presumiamo che quest’ennesimo episodio luttuoso sia stato causato dall’assenza degli adeguati dispositivi di sicurezza che molto probabilmente l’operaio, che è precipitato dall’alto, non indossava”. 

La Fillea e la Cgil esprimono rammarico e vicinanza ai familiari della vittima. “Facciamo le nostre condoglianza alla famiglia. Il tema della sicurezza per noi è strategico ed è fondamentale affrontarlo ai fini di un vero rilancio del settore – aggiungono Ceraulo e Guzzetta – Chiediamo cantieri aperti in sicurezza, dove gli operai possano lavorare senza morire. Le segreterie nazionali della Fillea e della Cgil, a seguito dell’escalation di incidenti nel settore,  sta seguendo un percorso che prevede la proposta del reato di omicidio colposo per le morti sul lavoro”. 

IL COMUNE. “C’è forte sgomento nella nostra comunità per la tragica morte di Salvatore Cammarata”. Lo dice il sindaco di Petralia Soprana Pietro Macaluso, che ha voluto manifestare la propria vicinanza e l’affetto alla famiglia.

Il primo cittadino e l’amministrazione comunale esprimono il profondo cordoglio per la dolorosa morte di Salvatore, a causa di un incidente sul lavoro, unendosi a i tanti che per tutta la giornata hanno fatto arrivare messaggi attraverso Facebook. “Era un grande lavoratore, una persona ben voluta, un uomo buono e umile, sempre con il sorriso” queste alcune delle tante frasi dedicate a Salvatore Cammarata.

 

LEGGI ANCHE:

Morti sul lavoro: a Palermo in aumento nel 2018 rispetto al 2017

Infortuni sul lavoro in aumento Sicilia: raddoppiati quelli mortali

Non sono mai Bianche

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.