Palermo, museo Gemmellaro: tra i più importanti d'Europa e con lo squalo più grande del pianeta [FOTOGALLERY] :ilSicilia.it
Palermo

Ospita tre installazioni virtuali

Palermo, museo Gemmellaro: tra i più importanti d’Europa e con lo squalo più grande del pianeta [FOTOGALLERY]

di
7 Gennaio 2018

 

Pochissimi in Italia sanno che il museo Geologico Gemmellaro è uno dei più importanti musei geopaleontologici d’Europa ed è, al contempo, il più ricco di reperti paleontologici recuperati da scavi effettuati in Sicilia in oltre 200 anni di studi e ricerche. Il patrimonio del museo è costituito da oltre seicentomila reperti classificati, tra fossili e rocce, rappresentativi delle Quattro Ere Geologiche: 1) Precambriano; 2) Paleozoico (vita antica); 3) Mesozoico (vita intermedia); 4) Cenozoico (vita recente).

La maggior parte dei reperti sono frutto dei lavori di scavi che si sono susseguiti in circa 200 anni di attività degli studiosi dell’Ateneo palermitano. Il Museo Gemmellaro è di proprietà dell’Università degli Studi di Palermo e costituisce una sezione del Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare, e “racconta”, con i suoi preziosi reperti esposti, una storia geologica lunga circa 300 milioni di anni.

Il percorso espositivo, che si snoda su un’area di quasi 1000 m2, consente di ammirare rocce e fossili che, integrati da numerosi diorami e ricostruzioni paleo-ambientali, illustrano la storia geologica della Sicilia, partendo dai più antichi fossili: il Permiano della valle del Sosio, circa 270 milioni di anni fa; le Ammoniti mesozoiche; i Cristalli delle Zolfare siciliane; gli “elefanti” che popolavano la Sicilia circa 200.000 anni fa.

Il museo Geologico Gemmellaro ha una lunga e interessantissima storia, che per certi versi è parte integrante della storia della cultura del nostro Paese, l’Italia.

Il museo Geologico venne fondato nel 1861 da Gaetano Giorgio Gemmellaro, che fu il primo professore di geologia e mineralogia dell’Ateneo Palermitano, così si chiamava allora.

 

Oggi il museo Geologico Gemmellaro dell’Università degli Studi di Palermo è diretto dal Geologo Valerio Agnesi. Nel quadro di una ristrutturazione del museo e dell’ampliamento e dell’ammodernamento dei saloni espositivi, il 6 febbraio 2015 sono state inaugurate tre installazioni virtuali e di cultura ad impatto aumentato.

L’opera è stata realizzata grazie al contributo, in co-finanziamento, della Regione Siciliana, Assessorato dei Beni Culturali con l’utilizzo in parte di Fondi Comunitari, che ha reso il Museo Gemmellaro molto più attrattivo, dinamico, interessante e con visite che risultano immersive ed interattive per il visitatore. Le tre installazioni virtuali sono visibili in un brevissimo promo-video che troverete alla fine di questo articolo: è un video scientifico della durata di 1 minuto e presenta il museo e le tre installazioni virtuali.

Le installazioni virtuali prevedono: una visita immersiva all’interno di un vulcano in eruzione; la ricostruzione della storia dei primi abitanti di Sicilia dei quali il ritrovamento dello scheletro di Thea, vissuta circa 15000 anni fa, che rappresenta la donna più antica dell’Isola; una proiezione all’interno della mandibola ricostruita di Carcharodon megalodon, squalo vissuto tra i 50 e i 2 milioni di anni fa, che le stime scientifiche hanno calcolato 20 volte più grande dell’attuale Squalo Balena che oggi risulta essere lo squalo più grande vivente. La ricostruzione della mandibola dello squalo preistorico del Museo Gemmellaro rappresenta, di fatto, quella più grande al mondo, ricostruita sulla base della dentatura completa ritrovata in Sicilia dai ricercatori del museo.

Per informazioni e prenotazioni per le visite guidate al Gemmellaro di Palermo, basta rivolgersi ai seguenti recapiti:

Valerio Agnesi (direttore del Museo Geologico Gemmellaro): valerio.agnesi@unipa.it

corso Tukory  131 – 90134 Palermo (PA)

+39 091 2386 4665

+39 091 2386 4693

Link sul Museo Geologico Gemmellaro di Palermo:

https://www.facebook.com/museo.gemmellaro

http://www.arcadeisuoni.org/index.php/archivio-audio/copia-2/details/13/645-geovisual-installazioni-virtuali-al-museo-gemmellaro-video?format=html ;

https://it.wikipedia.org/wiki/Museo_di_paleontologia_e_geologia_Gaetano_Giorgio_Gemmellaro

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.