Palermo, mutilavano arti per incassare i premi: 42 arrestati, fra loro un avvocato | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

farebbero parte di due bande

Palermo, mutilavano arti per incassare i premi: 42 arrestati, fra loro un avvocato

di
15 Aprile 2019

Quella dei furbetti è una categoria ampia che tarda a estinguersi. Una sottospecie è quella dei truffatori, sempre pronti a inventare ogni genere di espediente per lucrare. Stanotte polizia e guardia di finanza ne hanno arrestati quarantadue soprattutto nel capoluogo siciliano.

Farebbero parte di due gruppi dediti alla truffa alle assicurazioni. Il metodo era di una violenza inaudita: offrivano soldi in cambio di finti incidenti che, per risultare credibili, venivano suffragati grazie a lesioni gravi ossee causate artificialmente. E così, armati di spranghe e blocchi di cemento, alcuni “spaccaossa” specializzati avrebbero cagionato fratture varie a braccia e gambe a persone in difficoltà economica, che venivano pagate per sottoporsi a questa barbarie.

A Trapani e Palermo la polizia ha arrestato 34 persone, mentre 8 sono quelle fermate dalla Guardia di finanza. Le operazioni di Polizia e Guardia di finanza, denominate in codice ‘Contra Fides‘ e ‘Tantalo bis‘, costituiscono il prosieguo dell’inchiesta che già lo scorso anno aveva portato ad 11 fermi e ad una cinquantina di indagati.

Fra gli arrestati anche un noto avvocato. Si tratta di Graziano D’Agostino. Insieme a lui è stata fermata anche una praticante. Uno dei responsabili dell’organizzazione criminale, inoltre, andava in giro con un’auto di lusso e aveva anche acquistato un fuoribordo.

Le persone coinvolte, però, sono 250, finite indagate a vario titolo. Fra queste ci sono coloro che spaccavano ossa e cagionavano mutilazioni, ma anche tanti disoccupati e disperati, ragazze madri e tossicodipendenti che si sottoponevano alle mutilazioni in cambio di 300 euro, con effetti a volte anche permanenti. Indagati anche i proprietari delle vetture coinvolte nei finti incidenti, medici compiacenti grazie ai quali si ottenevano i certificati di invalidità o i documenti attestanti le sessioni di fisioterapia, un meccanico e titolari di studi di infortunistica.

Ovviamente i maxi risarcimenti finivano nelle mani dei truffatori, mentre coloro che si sottoponevano agli incidenti venivano risarciti solo con pochi euro.

C’è anche un morto tra le vittime dell’organizzazione criminale che truffava le assicurazioni a Palermo. È quanto emerge dall’inchiesta della Procura. La vittima è un cittadino tunisino, Hadry Yakoub, trovato morto su una strada alla periferia del capoluogo, per questa vicenda erano state già fermate lo scorso agosto tre persone.

All’extracomunitario sarebbero state somministrate dosi di crack per evitare che si potesse sottrarre alle lesioni. La morte, in un primo momento decretata come conseguenza di un incidente stradale, in realtà era stata determinata dalle fratture multiple procurate al tunisino da appartenenti all’associazione criminale al fine di inscenare un finto incidente. I responsabili non avevano poi esitato a fingere comunque che il tunisino fosse rimasto vittima di incidente stradale.

Le indagini nell’agosto dello scorso anno erano sfociate in un primo blitz, a seguito del quale alcuni arrestati avevano deciso di collaborare con i magistrati e raccontare i particolari delle truffe.

In mattinata i nomi di tutti i fermati

LEGGI ANCHE

“Ti fai rompere tu”, così i boia spaccaossa truffavano le assicurazioni | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.