Palermo-Napoli andata e ritorno: la mostra del maestro Croce Taravella :ilSicilia.it
Palermo

MERCOLEDÌ 4 SETTEMBRE

Palermo-Napoli andata e ritorno: la mostra del maestro Croce Taravella

di
3 Settembre 2019

Sarà inaugurata mercoledì 4 settembre dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris la mostra del maestro Croce Taravella che fino all’8 settembre occuperà le sale del prestigioso PAN – Palazzo delle Arti Napoletane.

A tagliare il nastro anche il presidente dell’ACI di Palermo Angelo Pizzuto, appassionato e grande amico del maestro Taravella, oltre ad una rappresentanza di artisti e pittori siciliani che arriveranno nel capoluogo partenopeo per l’occasione.

La mostra si compone dell’ultima serie di opere appositamente ideate e realizzate dal Maestro Taravella e allieve, per la città di Napoli e Palermo in cui lo scenario della folla, delle strade e degli edifici della città partenopea si alternano al reticolato di vicoli e architetture incombenti della città siciliana, dipinti graffiati su lamiera e realizzati con tecniche miste di grande impatto cromatico capaci di disvelare una traduzione visionaria dell’esprit metropolitano.

Ma non sarà una semplice mostra: accanto alle opere finite, ci saranno quadri da completare dal vivo.

Il pubblico è pertanto invitato a diventare testimone di un momento creativo di grande interesse.

A tal fine il Maestro Croce Taravella sarà accompagnato da alcune delle sue allieve Isabella de Vivo, Natalie Caldonazzo e Daniela Tartarone che da tempo studiano e lavorano nel suo laboratorio artistico romano. Queste in particolare, sotto la guida e i consigli del maestro, animeranno una performance di live painting realizzando le proprie opere durante l’intero svolgimento dell’evento, consentendo così ai visitatori, di comprendere il lavoro dietro ogni quadro esposto.

L’intenzione è di realizzare un opening per l’intera durata dell’esposizione – tutto in presa diretta dalla preparazione al finissage – nel corso del quale i visitatori potranno assistere ad ogni fase della mostra, dall’allestimento, all’ideazione, progettazione, realizzazione e finalizzazione di un’opera. Questa preziosa opportunità permetterà al pubblico di assistere al making of e ai giorni di vita dell’artista e delle sue allieve mentre la loro opera prende corpo così da rafforzare la promozione e prolungare la risonanza della mostra.

Un’esperienza che rappresenta molto più che una semplice mostra d’arte, ma un’occasione per abbattere dei muri, un evento entusiasmante che riunisce maestro e allieve che oltre a creare le loro opere dal vivo, possono raccontarsi live al pubblico, parlando di sé e del proprio lavoro coinvolgendo e stimolando gli spettatori in una serie di giornate e di iniziative correlate.

Croce Tavarella attualmente vive ed opera a Roma, ma la sua arte ha un respiro cosmopolita: il legame con le diverse realtà metropolitane, europee e mondiali, è infatti una continua fonte di ispirazione per la sua riflessione artistica sulla contemporaneità.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin