Palermo-Napoli andata e ritorno: la mostra del maestro Croce Taravella :ilSicilia.it
Palermo

MERCOLEDÌ 4 SETTEMBRE

Palermo-Napoli andata e ritorno: la mostra del maestro Croce Taravella

di
3 Settembre 2019

Sarà inaugurata mercoledì 4 settembre dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris la mostra del maestro Croce Taravella che fino all’8 settembre occuperà le sale del prestigioso PAN – Palazzo delle Arti Napoletane.

A tagliare il nastro anche il presidente dell’ACI di Palermo Angelo Pizzuto, appassionato e grande amico del maestro Taravella, oltre ad una rappresentanza di artisti e pittori siciliani che arriveranno nel capoluogo partenopeo per l’occasione.

La mostra si compone dell’ultima serie di opere appositamente ideate e realizzate dal Maestro Taravella e allieve, per la città di Napoli e Palermo in cui lo scenario della folla, delle strade e degli edifici della città partenopea si alternano al reticolato di vicoli e architetture incombenti della città siciliana, dipinti graffiati su lamiera e realizzati con tecniche miste di grande impatto cromatico capaci di disvelare una traduzione visionaria dell’esprit metropolitano.

Ma non sarà una semplice mostra: accanto alle opere finite, ci saranno quadri da completare dal vivo.

Il pubblico è pertanto invitato a diventare testimone di un momento creativo di grande interesse.

A tal fine il Maestro Croce Taravella sarà accompagnato da alcune delle sue allieve Isabella de Vivo, Natalie Caldonazzo e Daniela Tartarone che da tempo studiano e lavorano nel suo laboratorio artistico romano. Queste in particolare, sotto la guida e i consigli del maestro, animeranno una performance di live painting realizzando le proprie opere durante l’intero svolgimento dell’evento, consentendo così ai visitatori, di comprendere il lavoro dietro ogni quadro esposto.

L’intenzione è di realizzare un opening per l’intera durata dell’esposizione – tutto in presa diretta dalla preparazione al finissage – nel corso del quale i visitatori potranno assistere ad ogni fase della mostra, dall’allestimento, all’ideazione, progettazione, realizzazione e finalizzazione di un’opera. Questa preziosa opportunità permetterà al pubblico di assistere al making of e ai giorni di vita dell’artista e delle sue allieve mentre la loro opera prende corpo così da rafforzare la promozione e prolungare la risonanza della mostra.

Un’esperienza che rappresenta molto più che una semplice mostra d’arte, ma un’occasione per abbattere dei muri, un evento entusiasmante che riunisce maestro e allieve che oltre a creare le loro opere dal vivo, possono raccontarsi live al pubblico, parlando di sé e del proprio lavoro coinvolgendo e stimolando gli spettatori in una serie di giornate e di iniziative correlate.

Croce Tavarella attualmente vive ed opera a Roma, ma la sua arte ha un respiro cosmopolita: il legame con le diverse realtà metropolitane, europee e mondiali, è infatti una continua fonte di ispirazione per la sua riflessione artistica sulla contemporaneità.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin